I nomi dei talenti lasciati a piedi dalla carenza di scuderie e vetture che attanaglia, da qualche anno, il mondiale, sono tanti ed importanti. Uno di questi, è quello di Toni Gardemeister.

Pilota dalle grandi doti velocistiche forse mai espresse pienamente, il finlandese può vantare un curriculum di tutto rispetto: 6 podi e più di 100 presenze in appuntamenti della massima serie, numeri che lo pongono come uno dei rallysti più esperti e maggiormente affidabili sull’odierno scenario internazionale. Eppure, Gardemeister – come il collega Atkinson -, in quest’annata ha avuto modo di mettersi in mostra in un solo evento: il Rally di Montecarlo, round d’apertura dell’Intercontinental Rally Challenge.

L’ex pilota Suzuki, dunque, anche a sua detta, si sta adesso interamente dedicando al raggiungimento del suo obiettivo: quello di tornare a fare ciò che più gli piace… Correre nei Rally: “Ancora non ci sono progetti certi per il 2010; ma stiamo lavorando duramente nel tentativo di trovare un sedile libero per tornare a correre. Il mio obiettivo è tornare al più presto nell’ambito del WRC o anche dell’IRC; la serie intercontinentale mi piace, ed amo anche le vetture S2000, molto interessanti da guidare. Tra l’altro, in questo campionato, ora come ora, sono impegnate più case automobilistiche rispetto al mondiale… Ma bisognerà vedere cosa accadrà in futuro nel WRC, con i nuovi regolamenti imposti dalla Federazione”

“In ogni caso” ha concluso il trentaquattrenne finnico, “anche in quest’ultima parte di stagione ho intenzione di gareggiare in qualche rally… Perché è davvero difficile starsene con le mani in mano!”

Marco Picerno


Stop&Go Communcation

I nomi dei talenti lasciati a piedi dalla carenza di scuderie e vetture che attanaglia, da qualche anno, il mondiale, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/r43r1.jpg WRC / IRC – Gardemeister alla febbrile ricerca di un sedile per il futuro

WRC