Serviranno le sei prove speciali di domani per decretare il vincitore del Rally di Spagna, penultimo appuntamento della serie iridata, visto che fino ad ora l’equilibrio regna sovrano soprattutto nelle posizioni di testa.

Una lotta veramente incredibile per la prima posizione, con Jari-Matti Latvala leader al termine della seconda tappa con meno di due secondi di vantaggio su Dani Sordo. Si ripropone così la lotta tra Citroen e Volkswagen, nonostante non siano le rispettive prime guide a sfidarsi per la vittoria. Sebastien Ogier dal canto suo ha provato a rimanere davanti ma è stato fermato da una foratura che lo ha relegato in quarta piazza, alle spalle di Thierry Neuville (Ford). E così la scena è tutta per il finnico e per lo spagnolo, che fino a metà giornata avevano lo stesso tempo.

La zampata di Latvala ha permesso al team tedesco di chiudere un’altra giornata in testa, ma il vantaggio sul diretto inseguitore non è sufficiente per dormire sonni tranquilli. Allo stesso tempo il belga del team M-Sport è ancora in lotta per la vittoria, visto che il suo ritardo è di 30” dal leader della gara. E’ anche vero che Ogier, distante sedici secondi dal podio, rappresenta una vera e propria insidia per i primi tre della classifica provvisoria. Discorso diverso per Mikko Hirvonen (Citroen) ed Evgeny Novikov (Ford), rispettivamente quinto e sesto, divisi solamente da un decimo.

Il ritiro di Andreas Mikkelsen (Volkswagen) promuove in settima posizione il connazionale Mads Ostberg (Ford), nonostante un ritardo di oltre due minuti. Tempi alti anche per Martin Prokop (Ford) e per Hayden Paddon (Ford), nono al debutto con una World Rally Car del team Qatar M-Sport. I piloti mediorientali Al-Qassimi (Citroen) e Al-Kuwari (Ford) sono appena fuori dalla top ten con due vetture WRC, preceduti da Robert Kubica (Citroen) e Sepp Wiegand (Skoda), primo e secondo tra gli iscritti al WRC-2. Terzo Al-Rahji (Ford), Lorenzo Bertelli settimo al debutto con la Fiesta R5.

Nel campionato Junior prova di forza del locale Lemes, che conduce con un vantaggio di due minuti sul nordico Aasen e sull’estone Parn. Nel WRC-3 netto dominio dell’ex campione intercontinentale Enrique Garcia Ojeda (Citroen) davanti ai giovani Al-Mutawaa e Al-Sahlawi, vincitori del trofeo nazionale promosso da Abu Dhabi in collaborazione con Citroen.

Domani sono in programma le ultime sei prove speciali, l’arrivo è previsto poco dopo le 15.

Classifica (Top Ten)

  1. Sordo/Del Barrio – Citroen DS3 WRC – 2:06:08.9
  2. Latvala/Anttila – Volkswagen Polo R WRC – +1.6
  3. Neuville/Gilsoul – Ford Fiesta RS WRC – +29.3
  4. Ogier/Ingrassia – Volkswagen Polo WRC – a 46.5
  5. Hirvonen/Lehtinen – Citroen DS3 WRC – +57.8
  6. Novikov/Minor – Ford Fiesta RS WRC – +57.9
  7. Ostberg/Andersson – Ford RS Fiesta WRC – +2:28.4
  8. Prokop/Ernst – Ford RS Fiesta WRC – +3:06.7
  9. Paddon/Kennard – Ford RS Fiesta WRC – +3:08.6
  10. Kubica/Baran – Citroen DS3 RRC – +4:07.6

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Serviranno le sei prove speciali di domani per decretare il vincitore del Rally di Spagna, penultimo appuntamento della serie iridata, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/10/944632_625114864212320_427366300_n.jpg Spagna, Day 2: Lotta al vertice, un secondo divide Latvala e Sordo. Ogier fora, è quarto.

WRC