La prima “vera” giornata del Rally del Portogallo, dopo la prova spettacolo di ieri a Lisbona, si conclude con una sorpresa: il podio provvisorio è composto da Jari-Matti Latvala, Mikko Hirvonen e Sebastien Loeb. Latvala è felice del risultato, pur se conscio del fatto che domani toccherà a lui partire davanti a tutti e “spazzare” le polverose strade lusitane. Il finnico si è aggiudicato le ultime due speciali odierna, mentre Sebastien Ogier è solo quinto nella PS7 e perde altre posizioni in classifica assoluta finendo 4°, ma ad appena 16 secondi dalla vetta.

Il francese ha scelto volontariamente insieme alla squadra di alzare il piede, proprio per evitare di fare domani mattina da apripista. Alle sue spalle c’è Henning Solberg, che è in costante miglioramento nonostante abbia un ritardo di oltre 1 minuto e mezzo dal giovane transalpino. Il fratello Petter continua invece ad essere perseguitato dalla sfortuna. Dopo aver subito tre forature, il norvegese (vincitore della PS2) ha deciso di ritirarsi nel corso della PS7 e partirà domani con la regola del Super Rally, pagando 10 minuti di penalità.

L’’dolo locale Bernando Sousa, su Ford Fiesta RS WRC, dopo un buon inizio che lo aveva portato in ottava posizione, è finito fuori strada. I meccanici lavoreranno tutta la notte, insieme al pilota valuteranno il da farsi per sabato. Mattew Wilson occupa la 6° piazza ed è in lotta con Henning Solberg.

La settima posizione è occupata dalla rivelazione della gara, l’idolo Armindo Araujo che vola con la debuttante Mini in versione S2000. Le sue dichiarazioni sono prudenti, essendo consapevole di non poter vincere a causa dell’inferiorità della sua vettura nei confronti delle più potenti, ma dice anche che oggi non ha dato il massimo. Per lui sarà importante portare a casa la vettura integra, percorrere il maggior numero di chilometri possibile e stupire tutti con un grande risultato.

Araujo gode di un vantaggio di 1 minuti e 30 su un terzetto di scontenti: nell’ordine Federico Villagra, Kimi Raikkonen e Khalid Al-Qassimi, i quali hanno sì concluso in crescendo ma, soprattutto l’ex iridato di Formula 1, speravano di essere meglio collocati nella generale. Tra le new entry da sottolineare il 14° posto dell’olandese Peter Van Merksteijn (Citroen) e la 20° posizione di Daniel Oliveira con la seconda Mini S2000 del Brazilian World Rally Team.

Fra gli iscritti al Mondiale Produzione, Paddon, su Subaru Impreza WRX STi, conduce i giochi seguito da Grondal (Subaru) e Moura (Mitsubishi). Il nostro Gianluca Linari è 11° di classe. Nel Mondiale Junior male gli azzurri: nella PS6 Crugnola si è classificato in ultima posizione, mentre Brunello è stato doppiamente penalizzato perché in due occasioni si è presentato in ritardo al controllo orario.

Nota di colore “rosa”: nel J-WRC corre anche l’australiana Molly Taylor con la Fiesta R2. Per lei 48° piazza assoluta.

Classifica

01. Jari-Matti Latvala – Ford – 1:23:31.4
02. Mikko Hirvonen – Ford – +11.5
03. Sebastien Loeb – Citroen – +13.7
04. Sebastien Ogier – Citroen – +16.7
05. Henning Solberg – Ford – +2:06.5
06. Matthew Wilson – Ford – +2:11.2
07. Armindo Araujo – Mini – +3:43.7
08. Federico Villagra – Ford – +4:31.9
09. Kimi Raikkonen – Citroen – +4:33.1
10. Khalid Al Qassimi – Ford – +4:35.2

Luca Piana


Stop&Go Communcation

La prima “vera” giornata del Rally del Portogallo, dopo la prova spettacolo di ieri a Lisbona, si conclude con una […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wrcwrc-250311-01.jpg Portogallo, Day 2: Ford davanti con Latvala, ma la Citroen c’è

WRC