Le previsioni della vigilia sono state confermate tutte. Le Volkswagen sono vetture decisamente più performanti delle rivali, come sottolineato da Mikko Hirvonen, Latvala sarà il rivale numero uno di Ogier nella corsa al titolo, come annunciato dal campione in carica, e le Hyundai saranno giudicabili a partire dal Rally di Portogallo, prossimo appuntamento della serie iridata.

Il Rally del Messico ha solidificato queste convinzioni e ha lanciato Sebastien Ogier in testa alla classifica generale. La seconda piazza ottenuta da Jari-Matti Latvala (Volkswagen) non lascia comunque sereno il campione di Gap, al momento in vantaggio di 3 punti sul finnico. Chi esulta, seppur al termine di una gara difficile e con un ritardo di oltre 5 minuti dal vincitore, è il team Hyundai Motorsport. Thierry Neuville e Nicolas Gilsoul hanno conquistato la terza posizione, regalando il primo podio iridato al team di Alzenau. Il belga ha fatto un’ottima gara senza errori, ed è arrivato al service park finale solo grazie all’inserimento di birra nell’impianto di raffreddamento della I20 WRC, in un momento delicato visto che la vettura si era ammutolita al termine della prova speciale.

Tra i più soddisfatti del weekend messicano ci sono sicuramente i tre piloti della Ford Elfyn Evans, Martin Prokop e Benito Guerra, autori di prestazioni decisamente accorte che gli hanno garantito un posto tra i primi sei. Qualche difficoltà (soprattutto nelle battute iniziali) per Chris Atkinson (Hyundai) e Mikko Hirvonen (Ford), che precedono Mads Ostberg (Citroen), nono in una gara che lo ha visto tra i grandi protagonisti nelle fasi iniziali, e Yuri Protasov (Ford Fiesta R5), vincitore del WRC-2 davanti a Lorenzo Bertelli (Ford) e Max Rendina (Mitsubishi).

L’altro italiano Linari (Subaru) chiude 17° alle spalle di Ott Tanak (Ford). Tornano a casa dal Messico senza punti Kris Meeke (Citroen), Andreas Mikkelsen (Volkswagen) e Robert Kubica (Ford), ritirati per incidenti. Ora c’è grande attesa per il Rally del Portogallo, dove sono annunciati molti piloti in classe WRC e WRC-2 e – tra i più “piccoli” – è atteso il debutto degli Junior (12 under 28 su Citroen DS3 R3T) e degli equipaggi iscritti al D-Mack Fiesta Trophy.

Classifica 

  1. Ogier/Ingrassia – Volkswagen Polo R WRC – 2:40:49.7
  2. Latvala/Antilla – Volkswagen Polo R WRC – +1:12.6
  3. Neuville/Gilsoul – Hyundai I20 WRC – +5:28.6
  4. Evans/Barritt – Ford Fiesta RS WRC – +6:49.3
  5. Prokop/Hruza –  Ford Fiesta RS WRC – +9:54.4
  6. Guerra/Rozada  – Ford Fiesta RS WRC – +12:57.3
  7. Atkinson/Prevot – Hyundai I20 WRC – +15:15.4
  8. Hirvonen/Lehtinen  – Ford Fiesta RS WRC – +17:06.8
  9. Ostberg/Andersson – Citroen DS3 WRC – +25:41.6
  10. Protasov/Cherepin – Ford Fiesta R5 – +28:18.2

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Le previsioni della vigilia sono state confermate tutte. Le Volkswagen sono vetture decisamente più performanti delle rivali, come sottolineato da […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/03/1240454_697099120347227_813786577_n.jpg Messico, Finale: Ogier trionfa, primo podio Hyundai con Neuville grazie…alla birra!

WRC