E’ questione di giorni per l’inizio delle danze del Rally di Bulgaria, che farà il suo debutto nel WRC e si presenterà agli occhi dei protagonisti del mondiale con l’asfalto nel suo dna. A Kimi Raikkonen sembra piacere già sulla carta, perché si è detto ansioso di compiere la sua prima esperienza su una superficie che non sia sterrato o neve come nella precedenti corse a cui ha partecipato a bordo della sua Citroen C4. Del resto, la sua classifica dice chiaro su quali siano i suoi obiettivi stagionali: correre senza pressioni e arrivare al traguardo col massimo dei punti possibili. Attualmente, Raikkonen si trova al decimo posto della generale con 15 punti.

Nonostante abbia molto da imparare, “Iceman” ha svolto diversi test su asfalto partecipando anche all’ultimo Rally della Laterna, dove ha ottenuto un buon secondo posto, per una conferma definitiva delle sue qualità; non sarà da subito sui livelli dei più blasonati nel settore, come Loeb, Hirvonen ed Ogier, ma cercherà di fare la sua figura, mantenendo l’ottimismo dei tempi in cui spadroneggiava in Ferrari e andava a conquistare il suo primo ed unico titolo mondiale in F1, nel 2007. Ma arriva subito da parte sua la smentita di un accostamento tra le due categorie, perché tra circuiti e stradine c’è una bella differenza.

“Anche se ho passato diverse stagioni in F1, i circuiti in asfalto non hanno nulla di paragonabile a quello che potremo incontrare nei Rally”, avverte l’alfiere della Citroen Red Bull junior team. “La F1 e il WRC sono due discipline diverse, infatti in Bulgaria scopriremo un asfalto che avrà caratteristiche molto differenti, e non si può nemmeno paragonare ai Rally di Spagna o Germania o alle strade alsaziane. Con una sola prova speciale, si può passare da strade larghe, oppure insidiose e pieno di sporco. Da una parte all’altra della carreggiata può cambiare la guidabilità. Ed è per questo che è importante la figura del co-pilota che, con le sue note, è la base per il successo. Il mio obiettivo sarà quello di raggiungere il traguardo e di portare nel migliore dei modi la Citroen C4, senza dover badare ad ulteriori pressioni” conclude Raikkonen.

Stefano Chinappi

 


Stop&Go Communcation

E’ questione di giorni per l’inizio delle danze del Rally di Bulgaria, che farà il suo debutto nel WRC e […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wrc00_kimi11.jpg Kimi Raikkonen prenota un posto tra i big nel prossimo Rally di Bulgaria: “Sono fiducioso, possiamo fare bene”

WRC