Due mesi dopo l’ottavo trionfo iridato di Sebastien Loeb, il Mondiale Rally riparte da Montecarlo, che ritorna nel calendario dopo tre anni di esilio volontario nell’IRC. Gli organizzatori dell’Automobil Club de Monaco, nell’estate 2008, hanno abbandonato il WRC sbattendo la porta, passando alla serie targata Eurosport e Michelin che garantiva maggior visibilità televisiva e il ritorno del Col De Turini nella notte tra venerdì e sabato.

L’intervento di Jean Todt e il clamoroso passaggio delle multinazionali francesi Eurosport e Michelin nel Mondiale, hanno convinto gli organizzatori a ricucire lo strappo con la FIA, nonostante la gara perda la copertura televisiva integrale degli anni precedenti, salvo qualche replica in tarda notte.

Saranno 5 i piloti vittoriosi nelle precedenti edizioni del “Monte”: in ordine di tempo, il primo è Francois Delecour, che nel 1994 vinse la gara con una Ford Escot. Quest’anno il “cavallo pazzo” sarà al volante di una Fiesta WRC dopo l’ottimo quinto posto della passata stagione, allora con la Peugeot 207 S2000. Anche Sebastien Loeb, Mikko Hirvonen, Sebastien Ogier e Bryan Bouffier possono vantare un’affermazione nel Principato.

Il campionato riparte ancora una volta dal “Cannibale” Sebastien Loeb, voglioso di fare 9. L’alsaziano, forte di un contratto con la Citroen fino al 2013, è riuscito a convincere i vertici della casa francese a rivoluzionare l’assetto sportivo del team: fuori l’ex compagno Sebastien Ogier e l’ex team manager Olivier Quesnel, dentro Mikko Hirvonen e Yves Matton. Hirvonen, da anni principale avversario di Loeb, ha così accettato il ruolo di seconda guida, visto che la Ford non avrebbe potuto garantirgli un contratto di 3,5 milioni di euro a stagione. Matton, ex braccio destro di Guy Frequelin (il primo manager a credere in Loeb), dovrà mantenere la Citroen agli standard attuali.

Tra i privati, in attesa del debutto di Nasser Al-Attiyah in Svezia, verranno schierati Peter Van Merksteijn Sr e il debuttante Thierry Neuville, vincitore nel 2011 dei Rally di Sanremo e Corsica.

Dall’Inghilterra la Ford punta tutto su una coppia quasi inedita, formata da Jari-Matti Latvala e Petter Solberg; il norvegese torna alla corte del costruttore che tredici anni fa lo lanciò in questo palcoscenico. A Montecarlo saranno al volante di una Fiesta anche Ott Tanak, Martin Prokop, Julien Maurin, Henning Solberg, Evgeny Novikov, il già citato Delecour e Matthew Wilson.

Terza forza del campionato sarà la Mini, che si è iscritta in forte ritardo a causa di problemi tra Prodrive e BMW: qui le John Cooper Works ufficiali saranno affidate a Dani Sordo e Pierre Campana, che ha portato in dote uno sponsor che romperà il classico rosso sulle fiancate. Tra i privati, Armindo Araujo affiancherà Paulo Nobre con due vetture del team Motorsport Italia.

Lotta aperta anche in classe S2000: la Volkswagen non si è iscritta all’S-WRC e ha fatto altrettanto con i suoi piloti, che però saranno presenti in tutte le gare della stagione a bordo delle Skoda Fabia. Questa volta spazio a Sebastien Ogier e Kevin Abbring, che dovranno vedersela con il vincitore della WRC Academy 2011 Craig Breen (Ford), Bryan Bouffier, Michel Burri, Ari Latvola e Mathieu Arzeno (tutti su Peugeot 207 S2000) e dai debuttanti della Proton, lo svedese Per Gunnar Andersson e il nostro Giandomenico Basso.

85 vetture al via, cinque giorni di speciali per un totale di 433 chilometri; la partenza è fissata per la mattinata di domani da Valence, con il circus che approderà a Montecarlo solo nella giornata di venerdì, per disputare quattro prove nel pomeriggio di sabato e la Power Stage domenica mattina.

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Due mesi dopo l’ottavo trionfo iridato di Sebastien Loeb, il Mondiale Rally riparte da Montecarlo, che ritorna nel calendario dopo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/02/wrcwrc-170112-01.jpg Il Mondiale Rally riparte da Montecarlo

WRC