Con mezzo titolo iridato in tasca e dopo un inizio strepitoso, con la vittoria delle due prove speciali disputate ieri sera, Sebastien Ogier ha terminato anzitempo il Rally di Germania parcheggiando la sua Volkswagen Polo R WRC in mezzo a una vigna presente a bordo strada.

Il pilota di Gap ha concluso la gara sulla PS4, dove si è ritirato definitivamente per i problemi alla sua vettura dopo il violento impatto. Fino a quel momento Ogier era stato il grande protagonista, con l’obiettivo dichiarato di vincere per regalare un successo alla Volkswagen nella gara di casa. “Ho commesso un errore piuttosto banale, il feeling con la Polo era comunque ottimo anche su queste difficili speciali” ha dichiarato il francese.

Toccherà così a Jari-Matti Latvala onorare al meglio l’importante appuntamento per il team tedesco, visto che Ogier tornerà in gara domani con la regola del Rally-2 con un ritardo di cinque minuti per ogni prova non disputata. Il finnico, comunque, ha chiuso al comando la seconda tappa dopo una bella lotta con Thierry Neuville. Il portacolori del team M-Sport nelle ultime gare ha insidiato molto da vicino il duo Volkswagen, confermandosi così uno dei giovani più interessanti per il futuro. Il belga ha un ritardo di 7”2 da Latvala, con cui si è diviso le speciali nella giornata di oggi.

Ritardo decisamente più elevato per il duo Citroen, con Dani Sordo terzo a completare un podio particolarmente variegato e Mikko Hirvonen alle sue spalle. Lo spagnolo dovrà recuperare 26”3 ai primi due della classifica, mentre Hirvonen è distante 47”. Fuori dai giochi, ma con un buon piazzamento in tasca, ci sono le tre Ford Fiesta RS WRC di Mads Ostberg, quinto a oltre due minuti, seguito da Martin Prokop e Nasser Al-Attiyah. Problemi invece per Evgeny Novikov (Ford), che sta recuperando il tempo perso dopo l’incidente di ieri. Discorso diverso per Michal Kosciuszko, che è stato tradito dalla sua Fiesta WRC dopo una buona giornata nella top ten.

Con tutti questi ritiri, la seconda metà della classifica è tutta per i piloti del WRC-2, al via con vetture Regional Rally Car, R5 e S2000. Il leader è ancora una volta Robert Kubica, ottavo assoluto con la Citroen DS3 RRC. L’ex pilota di Formula 1 è seguito da Elfyn Evans (Ford) e Sepp Wiegand (Skoda) a chiudere i primi dieci. Nel Citroen Top Driver prestazione maiuscola di Sebastien Chardonnet che beffa Gilbert e Cronin, ritiro per Simone Campedelli che potrebbe ripartire domani mattina con la terza tappa. Nella WRC Academy netto dominio di Pontus Tidemand (Ford).

Domani sono in programma altre sei prove speciali, domenica gran finale con il doppio passaggio sulla “Dhrontal” da 25 chilometri. L’ultimo passaggio sarà valido come Power Stage, e assegnerà punti supplementari ai tre equipaggi con il tempo migliore.

Classifica (Top Ten)

  1. Latvala/Antilla – Volkswagen Polo R WRC –  1:26:31.0
  2. Neuville/Gilsoul – Ford Fiesta RS WRC – +4.6
  3. Sordo/Del Barrio – Citroën DS3 WRC – +19.4
  4. Hirvonen/Lehtinen – Citroën DS3 WRC – +42.2
  5. Ostberg/Andersson – Ford Fiesta RS WRC – +1:59.4
  6. Prokop/Hruza – Ford Fiesta RS WRC – +3:49.8
  7. Al-Attiyah/Bernacchini – Ford Fiesta RS WRC – +4:07.2
  8. Kubica/Baran – Citroën DS3 RRC – +4:30.6
  9. Evans/Barritt – Ford Fiesta R5 – +4:39.6
  10. Wiegand/Christian – Skoda Fabia S2000 – +6:09.3

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Con mezzo titolo iridato in tasca e dopo un inizio strepitoso, con la vittoria delle due prove speciali disputate ieri […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/08/vw-20130823-5159-low-VW-WRC-2013-09-DR2-1846.jpg Germania, Day 2: Ritiro per Ogier, è lotta a due tra Latvala e Neuville

WRC