Sette secondi tra Sebastien Loeb e Sebastien Ogier, è questo il verdetto della prima giornata del Rally di Germania, prima sfida su asfalto del Mondiale 2011. Sarebbe stato difficile non pronosticare questo risultato all’inizio della gara, nonostante i due francesi abbiano provato a fare i pompieri con dichiarazioni molto caute. “Il fatto che abbia vinto in tutte le edizioni non vuol dire che io sia imbattibile su questi tracciati”, ha confidato Loeb prima dell’inizio delle ostilità, ma in prova ha dimostrato ben altro.

Partenza cauta, con una marcatura a uomo su Ogier dopo le tre speciali mattutine e il sorpasso a metà giornata, con una improvvisa accelerazione nella PS5. Ogier dal canto suo si è presentato all’appuntamento tedesco in punta di piedi, ma con l’obiettivo di stare davanti e di vincere rally e Power Stage per riaprire il campionato. Sette secondi e quattro sono il frutto di una giornata molto tirata, che vede solo il duo della Citroen in lizza per la vittoria finale. Infatti le Ford del team ufficiale hanno lasciato la scena ai due Seb dopo una “piesse”.

Il primo scratch è stato a favore di Jari-Matti Latvala, abile a fare un tempo migliore grazie alla freschezza delle gomme. Proprie queste ultime hanno tradito il team Abu Dhabi, che nella seconda prova speciale, causa un improvviso acquazzone nella parte finale del tratto cronometrato, facendo perdere molti secondi e posizioni. Mikko Hirvonen, terzo nella classifica di tappa, ha toccato muretto nella PS4, Latvala è addirittura 14° con più di sei minuti di ritardo e la forzata sostituzione delle candele.

Se le Ford vanno male, sono le Mini la vera rivelazione di oggi, con Dani Sordo 4° e Kris Meeke che lo segue a ruota. Lo spagnolo è apparso in grande spolvero e in due occasioni ha portato la Countryman sul terzo gradino del podio di speciale, mentre per venti secondi non riesce a stare davanti a Hirvonen e chiudere la prima giornata sul terzo gradino del podio… virtuale. Meeke è stato invece un po’ più prudente, e nella giornata di domani dovrà innanzitutto difendere la posizione lottando con Petter Solberg, 6° e decisamente in difficoltà nel tratto bagnato, dove è stato autore di un dritto che gli è costato oltre 10″. Henning Solberg, Kimi Raikkonen e Denis Kuipers sono in lizza per la settima posizione, che per il momento è appannaggio del fratello maggiore di Petter, il quale nell’ultima PS disputata di giornata ha superato l’ex campione di Formula 1.

Domani si aspettano sorprese da Iceman, che lo scorso anno vinse la sua prima prova speciale proprio in terra teutonica. Chiude la top-ten Araujo con la Mini del team Motorsport Italia. Ott Tanak è il primo tra le vetture S2000, seguito da Hanninen e Gassner Jr. Tra i debuttanti con le WRC bene Campana (21° con la Mini della federazione transalpina) e Burkart (11° prima del ritiro per un problema meccanico).

Nel WRC Academy è lo spagnolo Lemes a comandare, con Breen che lo marca stretto e Fisher terzo. Bene Andrea Crugnola, quarto e davanti pure al leader della generale Kaur (solo 6°). Domani 8 prove speciali in programm,a suddivise equamente tra mattina e pomeriggio: quasi 150 km di tratto cronometrato che metteranno una seria ipoteca sull’andamento della corsa.

Classifica

01. Sebastien Loeb – Citroen – 1h18:21.4
02. Sebastien Ogier – Citroen – +7.4
03. Mikko Hirvonen – Ford – +1:18.4
04. Dani Sordo – Mini – +1:40.3
05. Kris Meeke – Mini – +1:57.6
06. Petter Solberg – Citroen – +1:59.8
07. Henning Solberg – Ford – +3:22.1
08. Kimi Raikkonen – Citroen – +3:25.5
09. Dennis Kuipers – Ford – +3:31.7
10. Armindo Araujo – Mini – +4:22.4

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Sette secondi tra Sebastien Loeb e Sebastien Ogier, è questo il verdetto della prima giornata del Rally di Germania, prima […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/wrcwrc-190811-01.jpg Germania, Day 1: Derby tra Loeb e Ogier dopo il disastro Ford. Mini da podio

WRC