Gli appassionati, almeno per adesso, possono rilassarsi: l’impegno della Citroen nella prossima stagione del Mondiale Rally non è a rischio, nonostante la delicata situazione del Gruppo PSA, a cui fa capo la casa francese.

La scorsa settimana è stata ad esempio ufficializzata la chiusura nel 2014 della fabbrica di Aulnay-sous-Bois (dove viene prodotta la C3), e la necessità di tagliare 8000 posti di lavoro complessivi, a causa del calo di vendite registrato sul mercato per le vetture Peugeot e Citroen.

Già a inizio anno, per contenere i posti, è stato interrotto a sorpresa il programma endurance della Peugeot, e il timore di una mossa analoga nel WRC era forte.

Un portavoce di Citroen Racing ha però rassicurato: “La nostra presenza nel Mondiale Rally non è intaccata. Stiamo però facendo del nostro meglio per fare in modo di ridurre il supporto economico dalla casa madre”.

Resta inoltre l’attesa su quelli che saranno i piani di Sebastien Loeb, che potrebbe decidere di ritirarsi a fine stagione.


Stop&Go Communcation

Gli appassionati, almeno per adesso, possono rilassarsi: l’impegno della Citroen nella prossima stagione del Mondiale Rally non è a rischio, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/wrc-190712-01.jpg Dalla Citroen assicurano: il programma WRC non è a rischio

WRC