Sebastien Loeb procede nella sua marcia trionfale verso l’alloro del Rally di Bulgaria. Il pilota francese, nonostante abbia vinto solo una speciale, la quinta controversa frazione di Sestrimo (SS5), ha ugualmente aumentato il proprio vantaggio sul secondo, salito a 40.5” ai danni dello spagnolo Dani Sordo.

Loeb ha lasciato un po’ di spazio ai suoi avversari, facendo sfogare Sordo sulla speciale di Peshtera (SS6) e Petter Solberg sugli asfalti dei secondi passaggi di Sestrimo (SS8), Peshtera (SS9) e Lyubnitsa (SS10). Il corpo organizzativo, monitorando la situazione dagli elicotteri perennemente in volo, ha deciso di annullare la SS7, per la grande mole di spettatori giunta sul tracciato.

La situazione è parsa chiara fin dalla prima speciale di giornata di Sestrimo, caratterizzata da ampi dossi ed asfalto sconnesso: la pioggia e la nebbia facevano la loro comparsa nei pressi del percorso, umidificando la speciale; Citroen optava principalmente per gomme a mescola morbida, mentre Ford sceglieva pneumatici duri, sperando in condizioni climatiche asciutte. La scelta ha premiato Citroen e scontentato Mikko Hirvonen e Jari-Matti Latvala, che hanno incassato problemi di grip e più di un minuto in 27.46km di speciale. “Ieri abbiamo potuto notare che su asfalto umido o scivoloso saremmo potuti essere competitivi, ma si è buttata via la nostra occasione”, ha commentato il “boss” Malcolm Wilson. “Abbiamo pagato pesantemente questo errore. Stiamo utilizzando lo stesso sistema meteo degli eventi precedenti ma, purtroppo, l’impianto non ha localizzato l’arrivo della pioggia. Non eravamo forniti di informazioni giuste e abbiamo eseguito la scelta sui dati che possedevamo. Si sono gettate via le possibilità per migliorare le posizioni di Hirvonen e Latvala”. Fra l’altro, Jari-Matti Latvala, durante lo svolgimento della SS8, ha rotto il sistema idraulico dello sterzo, trovandosi dunque in difficoltà.

Dietro a Sebastien Loeb e Dani Sordo, distanti fra loro di 40.5”, figura un bravissimo Petter Solberg, anch’esso al volante di una Citroen C4. Il pilota norvegese, per le ultime tre speciali, che presentavano un asfalto asciutto, ha optato per un set di gomme dure e si è avvicinato in classifica a Sordo.

Dalla quarta posizione spunta Sebastien Ogier, completando così un virtuale quartetto marchiato Citroen. Mikko Hirvonen, quinto assoluto, accusa due minuti e cinquanta secondi di ritardo; Jari-Matti Latvala paga tre minuti molto, molto abbondanti. La settima piazza appaga il rientrante P-G Andersson, staccato di 4:35.8 dalla vetta.

Cosa voler di più da Frigyes Turan? Il pilota ungherese sta conducendo un rally coi fiocchi, come dimostra l’ottava posizione, al volante di una vetusta Peugeot 307. P-G Andersson è piuttosto lontano e Matthew Wilson non sembra preoccuparlo più di tanto, Turan ha la possibilità di fregiarsi di una prestazione positiva.

Intanto, Kimi Raikkonen, rientrato in gara grazie alla regola del SuperRally, sta recuperando posizioni su posizioni. La decima posizione, occupata da Henning Solberg, al volante di una Ford Fiesta S2000, non appare lontana più di tanto.

Come si può notare dalla classifica, l’unico duello al quale si potrà assistere durante le quattro speciali di domani sarà fra Dani Sordo e Petter Solberg, al fine di conquistare l’alloro del secondo classificato. Le altre posizioni sembrano abbastanza fossilizzate.

Classifica – Day 2:

01. Sebastien Loeb – Citroen C4 – 2:12:49.3
02. Dani Sordo – Citroen C4 – + 40.5
03. Petter Solberg – Citroen C4 – + 45.2
04. Sebastien Ogier – Citroen C4 – + 2:05.7
05. Mikko Hirvonen – Ford Focus – + 2:50.4
06. Jari-Matti Latvala – Ford Focus – + 3:33.1
07. P-G Andersson – Ford Focus – + 4:35.8
08. Frigyes Turan – Peugeot 307 – + 5:39.2
09. Matthew Wilson – Ford Focus – + 7:34.7

Gabriele Sbrana


Stop&Go Communcation

Sebastien Loeb procede nella sua marcia trionfale verso l’alloro del Rally di Bulgaria. Il pilota francese, nonostante abbia vinto solo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wrcimg_04251.jpg Bulgaria – Day 2: AAA cercasi volontario per contrastare Sebastien Loeb

WRC