La pista di Monza ospita la seconda manche della Superstars Series: Mercedes ancora favorita, con il rookie Luigi Ferrara e l'espertissimo Max Pigoli pronti a giocarsi la vittoria.

Ottima la partenza di Pigoli, che sceglie un'ottima linea e riesce a passare in seconda posizione. Del Castello agguanta la leadership, ma la perde alla Roggia in favore del pilota della Romeo Ferraris. Papini è in terza piazza, davanti a Cappellari, Russo, Schiattarella, Ferrara e Biagi. Morbidelli è solo in undicesima piazza e deve recuperare un gap già consistente.

Alla variante Ascari Papini supera Cappellari e si porta terzo, mentre Morbidelli e Gabellini superano Zadotti e su portano rispettivamente in decima e undicesima posizione.

Al secondo giro Ferrara supera Papini e attacca anche Cappellari, che però si difende egregiamente. Sul traguardo del secondo giro Schiattarella ha un problema tecnico e deve fermarsi. Nel frattempo Russo guadagna posizioni su posizioni, mentre uno Zadotti tutt'altro che arrendevole lotta con Biagi e Gabellini. Alla Lesmo commette un errore in uscita e deve arrendersi alle BMW ufficiali, che con Biagi si porta al settimo posto, superando Cressoni.

Al quarto giro Ferrara si lancia all'attacco di Del Castello, accendendo i fari per cercare di infastidire il pilota della Cadillac. Il vincitore di Gara 1 supera Del Castello in uscita dalla prima variante del quarto giro e si porta secondo.

Nel frattempo Biagi supera Russo e continua ad attaccare, impegnandosi per riprendere Papini, ormai a 4.7s dall'ex Fia GT. Frattanto Ferrara gira 7 decimi più veloce rispetto a Pigoli e sembra intenzionato a riprendere e superare il pilota della Romeo Ferraris. Nel corso del sesto giro Herbert supera Cressoni e si porta in zona punti, dietro al compagno di squadra Zadotti.

Morbidelli non sembra in grandissima forma, al contrario di Zadotti che lo pressa da vicino e senza alcun timore reverenziale. Nel frattempo, ormai all'ottavo giro, lo svantaggio di Ferrara su Pigoli è di appena un secondo. Efficacissimo anche Biagi, che ha ridotto il suo gap su Papini a meno di 1.5s. Alla fine del settimo giro si ritira anche Cressoni con la sua Jaguar XF.

Al nono giro Ferrara supera Pigoli con una manovra pulitissima; il pilota della Romeo Ferraris tenta il contrattacco ma non riesce a tenere testa al driver della CAAL Racing.

Alla fine dell'ottavo giro Morbidelli che, come segnalato, era in difficoltà, si ferma ai box per un problema al motore e deve ritirarsi, lasciando a Zadotti l'ottava posizione davanti a Johnny Herbert e Sini.

Al decimo giro Biagi supera Papini, mentre al passaggio successivo, alla prima variante, Herbert supera Zadotti e si porta in ottava piazza. Al 12esimo giro Cappellari tenta l'attacco su Biagi, che per cercare di rimanere davanti sbaglia la frenata ed arriva lungo. Biagi mantiene comunque la posizione, mentre Herbert supera Russo, con Zadotti che lo imita alla parabolica e conquista l'ottava posizione.

Cappellari continua a spingere il compagno di squadra, mentre Russo e Zadotti continuano a fare a sportellate. Il pilota della Chevrolet supera definitivamente il driver della BMW alla Roggia. Alla Parabolica, alla fine del 13esimo giro, Cappellari commette un errore e lascia passare Papini, lasciando Biagi sereno in seconda posizione.

L'ultimo giro vede Herbert superare un Cappellari in difficoltà e vede Ferrara cogliere un'eccezionale doppia vittoria. Pigoli taglia il traguardo con il motore in fumo, riuscendo a cogliere il secondo posto per un soffio. Terzo un sorprendente Del Castello, davanti ad un Biagi molto combattivo. Quinto Papini, davanti a Johnny Herbert, Cappellari ed un ottimo Zadotti. Chiudono la zona punti Russo e Sini.

Ferrara ha ottenuto bottino pieno sul circuito di Monza, cogliendo 43 punti (i 40 delle due vittorie, i due punti per i giri veloci in entrambe le gare e quello per la pole position).

Gianni Morbidelli – Team BMW Italia – BMW M3 E92:

"Una gara iniziata con troppe sportellate, poi il problema al motore mi ha tagliato fuori dalla lotta per la gara. Ci aspettavamo che la Mercedes fosse così competitiva, il gap era consistente ma lavoreremo per avvicinarci. Forse c'è stata un po' troppa foga; se qualcuno cerca di guadagnare 5 posizioni in una sola curva le cose non funzionano bene."

Roberto Del Castello – Santucci Motorsport – Cadillac CTS V:

"Lavoriamo dallo scorso anno sulla macchina, abbiamo avuto difficoltà economiche e anche di tempo da dedicare allo sviluppo della Cadillac. E' uno sforzo importante essere qui, ed essere così competitivi tra i big è una bellissima sensazione ed un'enorme soddisfazione."

Luigi Ferrara – CAAL Racing – Mercedes C63 AMG:

"A Monza ci sono molte curve, non si tratta solo di motore. So bene che ad Imola la BMW sarà più competitiva e ci saranno altri concorrenti molto "minacciosi". Speriamo bene per il futuro."

Clicca qui per i risultati completi di Gara 2 di Monza

Nella foto, Luigi Ferrara

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

La pista di Monza ospita la seconda manche della Superstars Series: Mercedes ancora favorita, con il rookie Luigi Ferrara e […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/fermon.jpg Superstars Series – Monza – Gara 2: Ferrara perfetto concede il bis davanti a Pigoli. Del Castello (3°) stupisce