Un bel sole accoglie la partenza della Superstars Series, mentre gli occhi di tutti sono puntati sul 27enne Ferrara, chiamato a confermare la propria capacità di reggere alla pressione di un'intera gara.

Allo start lanciato il poleman Ferrara mantiene la testa bloccando violentemente le ruote anteriori. Il primo colpo di scena avviene alla prima curva, con Herbert che si gira e riparte in penultima posizione. Il compagno di squadra Zadotti, invece, balza in terza posizione, con Biagi che supera Morbidelli e si porta quarto. Gran partenza di Schiattarella, che si sistema in sesta posizione proprio dietro Morbidelli.

In uscita dalla Roggia al secondo giro Morbidelli supera Biagi e prova a lanciarsi all'inseguimento delle due Mercedes, che però nel frattempo hanno preso un margine di oltre 4 secondi. Alla prima curva del terzo giro uno spettacolare contatto tra Cappellari e Cressoni fa sì che il pilota della BMW vada in testacoda, rischiando grosso di centrare Biagi e Schiattarella. Del Castello, nel frattempo tenta di resistere a un tentativo di Gabellini ma si gira. Frattanto Zadotti torna ai box con dei problemi alla sua Lumina.

Alla variante Ascari lo stesso Gabellini tenta un attacco ma si gira e si insabbia. Alla stessa curva, ma nel giro successivo, Dionisio supera Caldarola e si porta in decima piazza.

Al quarto giro la situazione vede dunque Ferrara e Pigoli abbondantemente in testa davanti ad un Morbidelli che cerca in tutti i modi di arginare la fuga delle due Mercedes. Dietro di lui un ottimo Biagi, con Russo che occupa la quinta posizione.

Ottimo sesto per Cressoni, davanti alla prima Audi di Roberto Papini, con Cappellari, Schiattarella e Dionisio che chiudono la top ten.

Al sesto giro Papini tenta un attacco alla prima variante a Cressoni, ma il pilota della Ferlito Motors resiste stoicamente. Papini ci riprova alla curva Lesmo, ma si attarda e lascia passare Cappellari. Il pilota della BMW ne approfitta per lasciarsi risucchiare dalla scia della Jaguar XF e supera tranquillamente il rivale prima della Parabolica.

LA BMW numero 4 va in fuga mentre dietro di lui la lotta continua senza esclusione di colpi, con Cressoni che cerca di tenere duro e Papini che tenta attacchi ormai in tutte le curve, mentre siamo al settimo giro.

Alla prima curva dell'ottavo giro Papini si produce in una manovra pulitissima e perfetta, superando l'avversario alla prima curva. Nel frattempo, Dionisio commette un errore alla Parabolica e va in testacoda.

Ferrara e Pigoli sembrano aver ormai tirato i remi in barca, con il primo che ha quasi 4 secondi di vantaggio sul diretto inseguitore della Romeo Ferraris. Morbidelli rimane al limite, invece, ma nonostante ciò non riesce a recuperare sul duo di testa.

Al decimo giro la battaglia tra Papini e Cressoni si risolve con un attacco del pilota della Ferlito Motors che però non riesce ad evitare un contatto con la RS4 di Papini. Cressoni è poi costretto a ritirarsi, rovinando una gara altrimenti stupenda e spettacolare.

All'11esimo giro l'esperto Russo, in quinta posizione, viene raggiunto da Cappellari che inizia a puntarlo. Nel frattempo Michela Cerruti, il cui paraurti porta i segni della bagarre, viene superata da Gabellini e scivola in 12esima posizione.

Sul finale Morbidelli guadagna un po' di terreno sul duo di testa ma, come già detto, entrambi hanno alzato di molto il ritmo di gara.

Siamo ormai all'ultimo giro quando Gabellini guadagna una piazza nella top ten grazie ad un sorpasso molto pulito su Giovanni Lavaggi.

La gara finisce dunque con una splendida vittoria di Luigi Ferrara, davanti ad un Max Pigoli anch'egli perfetto. Terza piazza per Morbidelli, davanti a Biagi, Russo e Del Castello, che ha superato in extremis Cappellari. Ottava piazza per Papini, con Schiattarella e Gabellini che chiudono la top ten.

A partire in pole per Gara 2 sarà Roberto Papini, in prima fila con Luca Cappellari.

Roberto Ravaglia – Team Owner – Team BMW Italia:

"Purtroppo abbiamo perso terreno in partenza e non siamo più riusciti a recuperare lo svantaggio accumulato. A Monza le Mercedes hanno un certo vantaggio in termini di cavalli, quindi sapevamo che erano i favoriti. Sono comunque abbastanza soddisfatto con 3 macchine nei primi 7."

Luigi Ferrara – Caal Racing – Mercedes C63 AMG:

"Non è stato facile perchè avevo Pigoli negli specchietti. Non ci aspettavamo di riuscire a fare questo risultato, ho amministrato dal settimo giro in poi, e sono quindi molto fiducioso in vista di Gara 2, anche perchè sentivo di poter spingere al massimo anche negli ultimi giri."

Clicca qui per i risultati completi di Gara 1 di Monza

Nella foto, Luigi Ferrara

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

Un bel sole accoglie la partenza della Superstars Series, mentre gli occhi di tutti sono puntati sul 27enne Ferrara, chiamato […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/fermon2.jpg Superstars Series – Monza – Gara 1: Dominio Mercedes, Ferrara vince al debutto