Epilogo in rosa per il primo appuntamento della International Superstars Series. In Gara 2 a Monza si è infatti imposta Michela Cerruti, grande protagonista di tutto il weekend con la Mercedes C63 AMG del team Romeo Ferraris e già seconda in Gara 1 dietro al compagno di squadra Max Pigoli. Proprio quest’ultimo ha perso l’occasione di centrare il “bis”, fermato da un dechappamento mentre si trovava al comando. Per Michela una condotta esemplare, dopo che a mettersi in luce era stato Luigi Ferrara, subentrato in testa e poi a sua volta costretto al ritiro con un pneumatico “aperto” dopo essere finito su un cordolo.

Grande prestazione anche per la Jaguar XF di Francesco Sini (Team Ferlito), che fino all’ultimo ha provato ad insidiare la Cerruti, penalizzato tuttavia da un problema alla centralina. La Maserati Quattroporte nella versione 2011 ha evidenziato sul circuito brianzolo tutta la competitività scaturita dal lavoro di sviluppo svolto durante l’inverno, consentendo ad Andrea Chiesa di conquistare il terzo posto.

LA CRONACA. Come in Gara 1, Pigoli sfila nuovamente bene dalla pole, mentre Michela Cerruti resiste subito all’attacco di Andrea Chiesa. Partenza “razzo” di Ferrara dall’ottava fila; il pugliese transita subito quarto e alla fine del primo giro supera anche la Maserati e si porta terzo. Entra subito ai box Francesca Linossi con la ruota anteriore destra “kappaò”. Ad Armetta viene esposto il cartello di driver through per una tamponata all’Ascari sulla BMW di Tutumlu. Continua intanto la rimonta di Ferrari, che al secondo giro passa anche la Mercedes di Cerruti. Contemporaneamente Chiesa deve lasciare strada anche alla Jaguar di Sini. Sesto è Romagnoli, con l’altra C63 AMG della Caal Racing, mentre Caldarola (settimo) tiene dietro la M3 di Cerqui, ma poi finisce per insabbiarsi. A 13 minuti dal termine Ferrara prende la scia di Pigoli e lo passa alla staccata prima della Parabolica. Il comasco viene raggiunto anche dalla sua compagna di squadra e al decimo giro è costretto a cedere pure il secondo posto, procedendo lentamente a bordo pista con un pneumatico dechappato. Le ultima emozioni le “regalano” Ferrara, che a due minuti transita con l’anteriore destra sulle tele, e la stessa Cerruti che si gira all’Ascari per un problema di inserimento delle marce, ma rimane in testa. All’ultimo giro Sini la tallona ma ha un problema elettrico che fa spegnere di continuo la sua vettura. Le posizioni rimangono pertanto invariate e Michela entra nella storia della Superstars Series.

Gara 2 (primi dieci): 1. Cerruti (Mercedes C63 AMG / Romeo Ferraris) 14 giri in 27’49”021; 2. Sini (Jaguar XF / Team Ferlito) a 6”902; 3. Chiesa (Maserati Quattroporte / Swiss Team) a 7”132; 4. Romagnoli (Mercedes C63 AMG / Caal Racing) a 8”053; 5. Cerqui (BMW M3 E92 / Team BMW Italia) a 12”625; 6. Gabellini (BMW M3 E92 / Team BMW Italia) a 13”156; 7. Bettini (BMW M3 E90 / Movisport) a 35”406; 8. Biagi (BMW M3 E92 / Team BMW Italia) a 38”359; 9. Benedetti (Cadillac CTS-V / R.C. Motorsport) a 1’18”033; 10. Ferrara (Mercedes C63 AMG / Caal Racing) a 1’21”099

Classifica Campionato (clicca qui)


Stop&Go Communcation

Epilogo in rosa per il primo appuntamento della International Superstars Series. In Gara 2 a Monza si è infatti imposta […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/cerruti2.jpg Superstars – Monza, Gara 2: Vince lady Cerruti, che entra nella storia della serie