Tonio Liuzzi ha fatto felice il pubblico monzese (ben 31 mila pettatori), che dall’ex pilota di Formula alla vigilia di questo primo appuntamento della International Superstars Series si aspettava sicuramente grandi cose. Pubblico che non è stato disatteso, dal momento che l’abruzzese in Gara 2 è riuscito a portare al successo la Mercedes C63 AMG della Caal Racing, completando così questo weekend con due podi.

Alle sue spalle ancora in evidenza Max Pigoli, grande protagonista fin dalle qualifiche di ieri in cui aveva messo a segno la pole, sulla Jaguar XF del team Ferlito Motors. Quindi, nell’ordine, Francesco Sini (Chevrolet Lumina), Thomas Biagi (BMW) e Gianni Morbidelli (Audi RS4): cinque differenti marchi di vetture nelle prime cinque posizioni,

La cronaca

Prime otto posizioni invertite rispetto all’ordine di arrivo di Gara 1 e Caldarola che parte in pole con la Mercedes del Roma Racing Team. Il romano mantiene il comando, seguito da Liuzzi, autore di un ottimo avvio dalla terza fila. Subito sulla ghiaia la BMW di Bettini. In lotta per il terzo posto la Maserati Quattroporte di Salo e la Audi RS5 di Morbidelli, che all’inizio del secondo giro effettua il sorpasso ai danni del finlandese. Quasi contemporaneamente Liuzzi si porta in testa, mentre Kristoffersson parcheggia la sua vettura alla Roggia. Nello stesso punto si ferma anche la Jaguar di Gabbiani.

Al terzo giro Caldarola finisce in testacoda alla prima variante dopo un contatto con l’altra Mercedes di Larini, subentrato terzo. Morbidelli scivola quarto, mentre Salo risale secondo. Il finlandese si fermerà però a otto minuti dal termine. Ancora prima Larini era stato punito con un drive through. Tutto a vantaggio di Morbidelli, portatosi secondo davanti a Pigoli e Biagi. Ma non è ancora tutto finito, perché la stessa Maserati di Salo, ferma in un punto pericoloso del circuito, obbliga la direzione gara a fare intervenire la safety-car.

Al re-start Morbidelli, che si era meritatamente ritrovato secondo, deve lasciare sfilare prima Pigoli e quindi anche Sini e Biagi, scivolando quindo davanti a Caldarola.

Classifica

01. Vitantonio Liuzzi – Mercedes AMG C63
02. Max Pigoli – Jaguar XF-R – +1.153
03. Francesco Sini – Chevrolet Lumina – +1.602
04. Thomas Biagi – BMW M3 E92 – +3.190
05. Gianni Morbidelli – Audi RS5 – +3.219
06. Nico Caldarola – Mercedes AMG C63 – +4.816
07. Andrea Larini – Mercedes AMG C63 – +5.468
08. Stefano Gabellini – BMW M3 E92 – +8.996
09. Andrea Boffo – Mercedes AMG C63 – +9.391
10. Mauro Cesari – Maserati Quattroporte – +14.505
11. Walter Meloni – BMW M3 E90 – +21.687
12. Leonardo Baccarelli – BMW 550i E60 – +22.243
13. Marco Fumagalli – BMW 550i E60 – +45.792

Ritirati

14. Max Mugelli – Mercedes AMG C63 – 11 giri
15. Paolo Meloni – BMW M3 E90 – 10 giri
16. Mika Salo – Maserati Quattroporte – 8 giri
17. Thomas Schoffler – Audi RS4 – 5 giri
18. Johan Kristofferson – Audi RS5 – 1 giri
19. Gian Maria Gabbiani – Jaguar XF-R – 1 giro
20. Niccolò Mercatali – Chrysler 300 C SRT8 – 0 giri
21. Sandro Bettini – BMW M3 E92 – 0 giri


Stop&Go Communcation

Tonio Liuzzi ha fatto felice il pubblico monzese (ben 31 mila pettatori), che dall’ex pilota di Formula alla vigilia di […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/touring-010412-02.jpg Superstars – Monza, Gara 2: Liuzzi già sul gradino alto del podio