Dominio delle vetture a trazione anteriore nelle prime prove libere sul circuito di Snetterton. Come previsto, è stato Jason Plato a conquistare il miglior tempo della sessione. Dietro di lui, staccato di 1 decimo abbondante, il solito James Thompson, che non guidava su questo tracciato da diversi anni e non dispone di una vettura performante come quella di Plato. A poco più di 2 decimi dal leader Matt Neal e Fabrizio Giovanardi, con le Vauxhall ufficiali: l'inglese ha girato più forte del nostro Piedone per soli 10 millesimi.

Quinto, con l'altra Vectra, Andrew Jordan, a quasi 4 decimi dal miglior tempo. Sesta piazza per il leader del campionato Colin Turkington, migliore tra le BMW ma a 45 centesimi di secondo da Plato. Ottimo settimo per Vaulkhard, all'esordio con la Lacetti bianco-verde della bamboo engineering, mentre sorprende O'Neill, ottavo a 7 decimi da Plato con la vecchia Honda Integra. Chiudono la top ten i due scudieri di lusso del Btcc, Stephen Jelley con la BMW del Team Rac e Mat Jackson, della Racing Silverline.

In difficoltà il Team Airwaves, con Collard e Adam staccati di 9 decimi da Plato, mentre James Nash, che voleva battere Jackson e Plato fin da subito, deve accontentarsi di una 13esima posizione ad 1.1s dal suo caposquadra.

Non ancora a suo agio Gordon Shedden con la Leòn della CVR, 16esimo ad 1.3s dal leader, mentre Adam Jones non ha completato nemmeno un giro a bordo dell'altra Seat alimentata a bioetanolo. Buona sessione invece per Chilton, 15esimo a quasi 1.2s dalla vetta. Per questa gara il Team Aon schiererà una sola vettura, guidata proprio da Chilton.

Clicca qui per la classifica completa delle Libere 1 di Snetterton

Clicca qui per i cronologici delle Libere 1 di Snetterton

Nella foto, Jason Plato

Pietro Casillo


Stop&Go Communcation

Dominio delle vetture a trazione anteriore nelle prime prove libere sul circuito di Snetterton. Come previsto, è stato Jason Plato […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/btccplato2.jpg Snetterton – Libere 1: Plato super, bene le Vauxhall. BMW in difficoltà, Turkington arranca