L’edizione 2012 dell’Eurocup Megane Trophy sarà l’ottava nella storia del campionato, che per l’occasione introdurrà un nuovo motore V6 da 3.5 litri in grado di erogare ben 400 cavali, 40 in più di prima.

Sette le trasferte in calendario, tutte inserite nel popolare contesto della World Series by Renault, con la novità (a metà luglio) dell’inedito circuito del Moscow Raceway, situato alle porte della capitale russa.

Resta invariato invece il format dek week-end, che si aprirà con due sessioni di prove libere al venerdì da 60 minuti; le due gare (previste rispettivamente al sabato e alla domenica) avranno la propria griglia di partenza determinata dai rispettivi turni di qualifica.

Confermati gli assegni in denaro a fine anno (100 mila euro per chi conquista il titolo, 50 mila al secondo classificato e 25 mila al terzo), oltre alla possibilità di sostenere una giornata di test con la Nissan per il miglior concorrente, come accaduto nel 2010 all’olandese Nick Catsburg e in questo 2011 allo svizzero Stefano Comini. Premi anche per la graduatoria riservata ai piloti “gentlemen”.

Renault Sport Technologies ha inoltre dato vita al “Megane Trophy Endurance Challenge”, un piccolo trofeo articolato su tre corse di durata (la 12 Ore di Abu Dhabi, la 24 Ore del Nurburgring e la 6 Ore di Vallelunga) in cui le Megane dei team e dei corridori interessati saranno iscritte ad uno specifico raggruppamento, con premio annesso per i vincitori.

Il calendario 2012 dell’Eurocup Megane Trophy

01. 6 maggio – Alcaniz (Spagna)
02. 3 giugno – Spa-Francorchamps (Belgio)
03. 1° luglio – Nurburgring (Germania)
04. 15 luglio – Mosca (Russia)
05. 16 settembre – Budapest (Ungheria)
06. 30 settembre – Paul Ricard (Francia)
07. 21 ottobre – Barcellona (Spagna)


Stop&Go Communcation

L’edizione 2012 dell’Eurocup Megane Trophy sarà l’ottava nella storia del campionato, che per l’occasione introdurrà un nuovo motore V6 da […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/02/touring-231211-01.jpg Megane Trophy – Nel 2012 con 40 cavalli in più e una nuova sfida “endurance”