Colpaccio marchiato Porsche in Gara 2 del FIA GT1 World Championship a Zolder: Matt Halliday e Mike Parisy hanno messo il proprio sigillo in un weekend ricco di emozioni, grazie anche ad una strategia perfetta.

Dopo il primo stint affrontato da Halliday in terza posizione, la girandola delle soste ai box ha fatto balzare al comando Parisy, con un vantaggio di circa 7″ nei confronti della BMW di Michael Bartels e Yelmer Buurman, che scattava dalla pole. Nonostante l’olandese sia riuscito a colmare il gap, non è stato in grado di portare a termine l’attacco vincente: il francese Parisy ha resistito fino al traguardo conquistando una strepitosa vittoria, la prima per la 911 nella classe regina delle competizioni Gran Turismo.

Un po’ di aiuto è arrivato anche dalle insidiose condizioni dell’asfalto, ancora umido fuori traiettoria e quindi in grado di scoraggiare manovre azzardate. In questa situazione di aderenza precaria (ulteriormente accentuata da un piccolo rovescio arrivato durante la corsa), ha pagato il rischio preso da Toni Vilander e Filip Salaquarda, che hanno scelto di iniziare subito con le gomme slick.

Il finlandese è stato protagonista di una doppia rimonta fino al 2° posto, occupato da Salaquarda dopo il cambio pilota, anche se il ceco ha poi dovuto cedere a Buurman: per il team AF Corse e la Ferrari è il primo podio stagionale, davanti alla Mercedes di Jager/Pastorell (in piazza d’onore nelle prime fasi) e alla McLaren di Makowiecki/Dusseldorp.

Grazie a Vanthoor/Ortelli, 6° dinanzi alla bandiera a scacchi con la loro Audi, abbiamo sei marchi differenti nelle prime sei posizioni. Gli alfieri del team WRT conservano ancora la vetta della classifica generale. In top-ten c’è inoltre spazio per la Lamborghini, grazie a Tomas Enge e Albert von Thurn und Taxis (8°).

Scampoli di gloria per l’Aston Martin, grazie ad uno strepitoso Maxime Martin. Il belga, galvanizzato dal fattore campo, si è esaltato sul bagnato come sette giorni fa nella Blancpain Endurance Series a Monza, risalendo da nono a leader nei primi sette giri. Impresa vanificata dal compagno di equipaggio Alexei Vasiliev, alla fine solo 12°.

Prossimo round per il Mondiale GT1 sul tracciato spagnolo di Navarra il 27 maggio.

Classifica

01. Halliday/Parisy – Porsche – 36 giri
02. Bartels/Buurman – BMW – +1.030
03. Vilander/Salaquarda – Ferrari – +17.256
04. Jager/Pastorelli – Mercedes – +29.070
05. Makowiecki/Dusseldorp – McLaren – +29.580
06. Vanthoor/Ortelli – Audi – +29.900
07. Demoustier/Parente – McLaren – +32.167
08. von Thurn und Taxis/Enge – Lamborghini – +37.156
09. Winkelhock/Basseng – Mercedes – +38.456
10. Stippler/Jarvis – Audi – +38.885
11. Ide/Castellacci – Ferrari – +47.053
12. Martin/Vasiliev – Aston Martin – +1:25.273
13. O’Young/Kox – Lamborghini – a 1 giro
14. Mayr-Melnhof/Lauda – BMW – a 1 giro
15. Zuber/Afanasyev – Aston Martin – a 1 giro
16. Pavlovic/Cressoni – Ford – a 2 giri

Ritirati

17. Lariche/Wei – Porsche – 32 giri


Stop&Go Communcation

Colpaccio marchiato Porsche in Gara 2 del FIA GT1 World Championship a Zolder: Matt Halliday e Mike Parisy hanno messo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/fiagt1-220412-01.jpg Zolder, Gara 2: Halliday e Parisy fanno il colpaccio