Il campione in carica Renaud Kuppens resta saldamente leader del Trofeo Maserati, grazie ai successi conquistati al Nurburgring in Gara 1 e Gara 2. La terza manche, quella in formato endurance, è stata invece conquistata dall’equipaggio formato da Alberto Cola e Patrick Gobbo.

La prima gara delle tre previste sul suolo tedesco è partita con ritardo rispetto al programma in quanto il cattivo tempo e in particolare la nebbia hanno ritardato le attività in pista, facendo scivolare tutte le sessioni

Nelle due qualifiche disputate sabato pomeriggio a conquistare la pole position era stato Kuppens, che oltre ai punti della vittoria, ha saputo prendersi anche i due previsti per chi sigla i migliori crono. In Gara 1, approfittando della posizione e di una buona partenza, Kuppens ha quindi chiuso la porta agli avversari alla prima curva e ha spinto al massimo fino al traguardo senza farsi più raggiungere. In seconda posizione alla bandiera a scacchi si è classificato il danese Mikkel Mac, mentre più indietro è arrivato Alan Simoni, salendo sull’ultimo gradino del podio.

Quarto il francese Ange Barde che ha resistito fino alla fine agli assalti di Riccardo Romagnoli dello Swiss Team, costretto pertanto ad accontentarsi della quinta piazza. Chiude ottavo Fabio Venier del Team Swiss, finalizzando una bella rimonta dopo che era stato retrocesso in undicesima fila, come da regolamento, per aver sostituito un pneumatico danneggiato dopo uno spiattellamento. Originariamente lo svizzero aveva siglato il secondo miglior crono.

Classifica Gara 1 (Top 10)

  1. Renaud Kuppens
  2. Mikkel Mac – +4.369
  3. Alan Simoni – +10.505
  4. Ange Barde – +15.405
  5. Riccardo Romagnoli – +15.976
  6. Niki Cadei – +24.489
  7. Patrick Zamparini – +26.099
  8. Fabio Venier – +26.711
  9. Mathijs Bakker – +26.868
  10. Felipe Merjech – +35.752

Nella mattinata di domenica si è disputata Gara 2, che  ha visto ripetersi il Renaud Kuppens, di fronte al danese Mac e a Cola.

Classifica Gara 2 (Top 10)

  1. Renaud Kuppens
  2. Mikkel Mac – +0.668
  3. Alberto Cola – +7.271
  4. Niki Cadei – +7.795
  5. Davide Durante – +26.570
  6. Riccardo Ragazzi – +27.010
  7. Ange Barde – +27.502
  8. Mauro Calamia – +27.954
  9. Shinichi Katsura – +32.503
  10. Felipe Merjech – +40.153

La gara endurance è stata sicuramente la più animata e si è svolta in una domenica soleggiata, dopo che la pioggia caduta nei giorni precedenti e soprattutto la nebbia avevano fatto ritardare il programma del sabato. La prima parte della prova ha visto protagonista Kuppens che, scattato dalla pole position, ha dovuto superare Simoni, prima di prendere il comando che ha mantenuto fino al pit stop obbligatorio. È proprio in questo frangente che si sono decise le sorti del podio.

Cola e Gobbo, che fino a quel momento erano quinti, riescono a prendere la testa della corsa, sfruttando anche alcune situazioni fortunate, come l’uscita di scena di Barde che ha perso il primo posto a causa della rottura del semiasse, oppure di Mac, fuori dai giochi per problemi alle gomme. Gobbo e Cola hanno quindi tagliato per primi il traguardo non senza brividi, vista la foratura al pneumatico anteriore destro proprio nell’ultima curva, ma con margine sufficiente sui secondi classificati, Andrea Gardelli/Fabio Venier dello Swiss Team. Sull’ultimo gradino del podio sono invece saliti Riccardo Romagnoli/Mauro Calamia.

Simoni/Ragazzi hanno perso l’opportunità di chiudere tra i primi a causa di un drive through che hanno dovuto scontare per essere passati sulla linea bianca all’uscita dei box dopo il cambio pilota. Stessa penalizzazione anche per Pierre Marie De Leener e Delli Guanti/Boccellari.

Anche questa volta a Kuppens non riesce la tripletta, come accaduto in Francia al Paul Ricard dove aveva trionfato in due prove su tre. Per lui hanno pesato sicuramente i 20 secondi di extra time da scontare nel pit stop, previsti dal regolamento per i primi cinque equipaggi più veloci, ma soprattutto una foratura mentre si trovata in sesta posizione.

Classifica Gara 3 (Top 10)

  1. Cola/Gobbo
  2. Venier/Gardelli – +2.947
  3. Calamia/Romagnoli – +8.690
  4. Pellegrinelli/Cadei – +9.109
  5. Fascicolo/Cecchellero – +18.618
  6. Felipe Merjech – +23.476
  7. Ragazzi/Simoni – +24.703
  8. Mathijs Bakker – +24.995
  9. Adrien De Leener – +26.299
  10. Andreas Segler – +37.910

Al termine delle tre manche nessuno dei piloti saliti sul podio ha festeggiato il risultato ottenuto in pista, in segno di rispetto per la scomparsa di Pietro Stragliati, collaboratore di AF Corse, deceduto giovedì.

Prossimo appuntamento del Maserati Trofeo MC World Series è in programma il 14 luglio in Inghilterra sul tracciato di Silverstone, dove sarà assegnato anche il Trofeo Europa, destinato al pilota che si troverà al vertice della classifica assoluta dopo i primi tre appuntamenti disputati sui circuiti del Vecchio Continente.


Stop&Go Communcation

Il campione in carica Renaud Kuppens resta saldamente leader del Trofeo Maserati, grazie ai successi conquistati al Nurburgring in Gara 1 e Gara 2.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/06/trofeomaserati-nurburgring-030613-01.jpg Trofeo Maserati – Nurburgring: Per Kuppens c’è ancora due senza tre…