Premiato per la trionfale cavalcata nel Megane Trophy, tra venerdì e sabato Stefano Comini ha provato sul circuito di Motegi la Nissan GT-R di classe GT1 vincitrice quest’anno del Mondiale FIA GT1 con Lucas Luhr e Michael Krumm. Un’opportunità resa possibile grazie all’invito congiunto di Renault Sport e Nissan Motorsport International.

Le condizioni meteo non hanno aiutato il pilota svizzero, che ha dovuto domare la coupé nipponica sotto la pioggia: “È stata l’unica nota negativa. Non sono mai stato un grande fan della guida sul bagnato”, ha ammesso, aggiungendo: “Non ci ho però messo molto a trovare il feeling con la vettura, non si è rivelata impegnativa”.

“Si sentiva davvero la potenza, anche con l’acqua. Ci vuole un po’ di tempo per prendere confidenza con i freni in carbonio, ma dopo qualche cambiamento all’assetto mi sentivo più che a casa”.

Nella veste di “coach” il driver elvetico ha avuto al suo fianco proprio Krumm: “Alla fine ho girato solo un secondo più lento di lui”, ha raccontato Comini, “tutto a causa della Curva 6. La cosa più importante in ogni caso non erano le prestazioni, ma avere la chance di lavorare con la Nismo. Volevo essere il più d’aiuto possibile”.

“Dopo aver vinto il Megane Trophy, le GT sembrano molto interessanti. Mi piacerebbe fare altre prove e mettere assieme un programma per l’occasione”.

Il test in Giappone, dodici mesi fa, portò bene al suo predecessore nell’albo d’oro Nick Catsburg, riuscito infatti a entrare nel FIA GT1, prima al volante della Corvette e poi della stessa GT-R.


Stop&Go Communcation

Premiato per la trionfale cavalcata nel Megane Trophy, tra venerdì e sabato Stefano Comini ha provato sul circuito di Motegi […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/fiagt1-061211-01.jpg Stefano Comini, vincitore del Megane Trophy, ha testato la Nissan GT-R a Motegi