La prima edizione del FIA GT1 World Championship ha ufficialmente i suoi re: Andrea Bertolini e Michael Bartels. Al termine della Qualifying Race di San Luis, come previsto, la coppia della Vitaphone Racing si è aggiudicata matematicamente il titolo 2010, confermandosi sul trono per il terzo anno consecutivo, per la quarta volta in cinque stagioni. La scuderia tedesca e la Maserati prolungano invece un’imbattibilità che dura dal 2006.

L’equipaggio italo-teutonico ha sempre avuto sotto controllo la situazione, anche perché i diretti rivali Darren Turner e Tomas Enge, soltanto 17° in griglia, avrebbero dovuto sperare in un miracolo per tenere vive le proprie chances, dovendo almeno salire sul podio. L’unico brivido è stato vissuto al secondo giro, quando Bartels è stato speronato sul lato interno da Cristopher Haase, forse tradito da un cedimento sulla sua Lamborghini, visto l’improvviso scarto a sinistra. I due sono finiti entrambi in testacoda: Bartels, seppur precipitato nelle retrovie, è riuscito a riprendere la marcia (per poi cedere il volante a Bertolini), mentre il rivale è stato costretto al ritiro.

La Murcielago rimasta ferma lungo il tracciato ha richiesto l’intervento della safety-car, e il regime di neutralizzazione è durato oltre dieci minuti. Nessun ribaltone iridato fino al traguardo, mentre là davanti è stata corsa in solitaria per Fred Makowiecki e Yann Clairay. Il francese si è trovato immediatamente al comando, approfittando del clamoroso contatto tra Stefan Mucke e Max Nilsson, con lo svedese colpevole dell’urto al poleman. Entrambi sono finiti ko dopo pochi metri.

Makowiecki, ereditati i comandi della Aston Martin numero 9 del team Hexis, ha poi gestito agevolmente il notevole vantaggio acquisito. Molto più intensa la battaglia per la piazza d’onore, che alla fine ha premiato il duo Mutsch/Westbrook. L’inglese è stato davvero bravo non appena presi i comandi della Ford #5, compiendo alcuni bei sorpassi: su tutti quello a Clivio Piccione, che viaggiava in seconda piazza ma ha poi concluso quarto, patendo un’usura eccessiva dei pneumatici. Il 3° posto è infatti andato a un’altra Ford, quella del Marc VDS Racing guidata da Leinders/Martin.

Bella bagarre anche subito dietro, con Kechele/Jimenez capaci di artigliare la 5° posizione davanti a Krumm/Dumbreck e Wendlinger/Moser, non senza qualche ruota a ruota. La migliore MC12 è stata la #34 di casa Triple H Racing, affidata a Nico Verdonck e al nostro Alessandro Pier Guidi (8°). Il costruttore modenese può comunque gioire grazie al trionfo in campionato, che renderà la Championship Race del pomeriggio una vera e propria passerella.

Una toccata con Enrique Bernoldi ha costretto a un prematuro rientro ai box Marc Hennerici, sull’unica Corvette al via. Sfortuna anche per Jani/Armindo, incappati in una foratura mentre il transalpino battagliava nelle zone nobili del gruppo.

Classifica

01. Makowiecki/Clairay – Aston Martin – 23 giri
02. Westbrook/Mutsch – Ford – +12.048
03. Leinders/Martin – Ford – +12.770
04. Piccione/Hirschi – Aston Martin – +21.795
05. Kechele/Jimenez – Lamborghini – +27.581
06. Krumm/Dumbreck – Nissan – +29.345
07. Wendlinger/Moser – Nissan – +31.145
08. Verdonck/Pier Guidi – Maserati – +31.364
09. Pastorelli/Schwager – Lamborghini – +34.790
10. Turner/Enge – Aston Martin – +36.348
11. Bertolini/Bartels – Maserati – +44.285
12. Muller/Heger – Maserati – +45.027
13. Hughes/Campbell-Walter – Nissan – +46.322
14. Risatti/Basseng – Lamborghini – +51.133
15. Bobbi/Palttala – Ford – +51.425
16. Bernoldi/Ramos – Maserati – +55.401
17. Jani/Armindo – Ford – +2:06.253

Ritirati

18. Hennerici/Margaritis – Corvette – 19 giri
19. Kox/Haase – Lamborghini – 1 giro
20. Nilsson/Ara – Nissan – 0 giri
21. Mucke/Lopez – Aston Martin – 0 giri
22. Pastorelli/Schwager – Lamborghini


Stop&Go Communcation

La prima edizione del FIA GT1 World Championship ha ufficialmente i suoi re: Andrea Bertolini e Michael Bartels. Al termine […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/fia-gtfiagt-051210-01.jpg San Luis, Qualifying Race: La gara a Makowiecki/Clairay, ma Bertolini/Bartels conquistano il titolo iridato!