Sono state rese note le modifiche promesse al calendario del FIA GT1 World Championship, che adesso, a dir la verità, diventa un po’ meno “Mondiale”. L’edizione 2012 si articolerà infatti su due soli continenti, Europa e Asia, visto il taglio della suggestiva location sudamericana di San Luis.

Fuori anche la tappa olandese di Zandvoort, inizialmente programmata per il 7 ottobre e che resta valida per il solo FIA GT3. Gli ingressi sono invece quelli dello Slovakia Ring (10 giugno), e soprattutto della coreana Yeongam (16 settembre). Slitta così avanti di due settimane, al 30 settembre, la trasferta in Russia sull’inedito Moscow Raceway.

Di fatto la stagione si dividerà in due tronconi: il primo di matrice europea, mentre da fine estate la serie iridata intraprenderà un lungo “tour” in Oriente. Una scelta dettata principalmente da ragioni di mercato.

Ricordiamo che Pechino, capitale cinese, si terrà dopo il round al Goldenport Park Circuit una esibizione su un tracciato cittadino appositamente allestito, ripetendo l’inizativa dello scorso.

L’Europeo FIA GT3 farà inoltre da spalla in cinque week-end nel Vecchio Continente: sono quelli di Nogaro, Zolder, Navarra, Portimao e Mosca, a cui si aggiunge Zandvoort. Proprio dalla pista francese di Nogaro, nell’imminente week-end di Pasqua, partirà la nuova stagione iridata che si concluderà a dicembre in India.

Il calendario 2012 del FIA GT1 World Championship

01. 8 aprile – Nogaro (Francia) *
02. 22 aprile – Zolder (Belgio) *
03. 27 maggio – Navarra (Spagna) *
04. 10 giugno – Slovakia Ring (Slovacchia)
05. 8 luglio – Portimao (Portogallo) *
06. 26 agosto – Pechino (Cina) °
07. 2 settembre – Ordos (Cina)
08. 16 settembre – Yeongam (Corea del Sud)
09. 30 settembre – Mosca (Russia) *
10. 2 dicembre – Greater Noida (India)

* Insieme al FIA GT3
° Non valido per il campionato


Stop&Go Communcation

Sono state rese note le modifiche promesse al calendario del FIA GT1 World Championship, che adesso, a dir la verità, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/fiagt1-020412-01.jpg Rivisto il calendario: arrivano Slovacchia e Corea, niente Argentina