Il team Hexis chiude in bellezza il weekend al Moscow Raceway del FIA GT1 World Championship, con la doppietta messa a segno in Gara 2. La vittoria è andata a Stef Dusseldorp e Fred Makowiecki, che si reinseriscono così prepontentemente nella lotta al titolo.

La corsa, svoltasi sotto la pioggia, è iniziata in regime di safety-car. In queste condizioni si è esaltato soprattutto Alvaro Parente, riuscito nel primo stint ad agguantare la leadership (partiva sesto). Putroppo la prestazione del talento portoghese è stata in parte vanificata, come già accaduto in altre occasioni, dal giovane compagno Gregoire Demoustier, che ha ceduto la prima piazza alla McLaren gemella guidata da Dusseldorp.

Alla fine l’olandese ha tagliato il traguardo con ben 25 secondi di vantaggio sul transalpino. Demoustier se l’è però dovuta vedere anche con le due Ferrari: Filip Salaquarda, toccandolo, lo ha mandato in testacoda, ma nel finale il ceco si è dovuto ritirare per la rottura del motore; Francesco Castellacci è giunto in volata alle sue spalle, ma ha rimediato una penalità di 30″ scivolando dal terzo al 6° posto, ritenuto colpevole del contatto con Nicky Pastorelli.

A occupare il terzo gradino del podio sono stati quindi i vincitori della prima manche, Stephane Ortelli e Laurens Vanthoor, con la loro Audi. Ortelli, al volante nel primo stint, ha subito sciupato la pole andando lungo quando è rientrata ai box la safety-car.

4° piazza per l’altra R8 ufficiale di Frank Stippler e Oliver Jarvis. A seguire la Mercedes di Marcus Winkelhock e Marc Basseng. Solo una ottava posizione assoluta (ma ai fini del campionato è la 7°) per i capoclassifica Michael Bartels e Yelmer Buurman, in una trasferta rivelatasi ostica per le BMW Z4.

Si sono inseriti “in mezzo” ai protagonisti del FIA GT1 i portoghesi Nil Amorim e Cesar Campanico, 7° assoluti e vincitori fra gli iscritti al FIA GT3, con l’Audi R8 del team Novadriver. Battuti nel confronto diretto Basov/Grossman (10°) e Skryabin/Pier Guidi (11°).

Prossimo appuntamento per il Mondiale al Nurburgring, il 22 e 23 settembre.

Classifica

01. Makowiecki/Dusseldorp – McLaren – 29 giri
02. Parente/Demoustier – McLaren – +25.411
03. Stippler/Jarvis – Audi – +31.828
04. Ortelli/Vanthoor – Audi – +32.470
05. Winkelhock/Basseng – Mercedes – +40.146
06. Ide/Castellacci – Ferrari – +55.900
07. Amorim/Campanico – Audi – +1:16.545 *
08. Buurman/Bartels – BMW – +1:24.240
09. Jaeger/Pastorelli – Mercedes – +1:25.256
10. Basov/Grossman – Ferrari – +1:26.191 *
11. Skryabin/Pier Guidi – Ferrari –  +1:27.459 *
12. Lyons/Gai – Ferrari – +1:40.751 *
13. Baumann/Buhk – Mercedes –  a 1 giro *
14. Leganov/Afanasiev – Lamborghini – a 1 giro *
15. Nilsson/Vahamaki – Mercedes – a 1 giro *
16. Ebrahim/Lariche – Ford – a 1 giro
17. Mayr-Melnhof/Lauda – BMW – a 1 giro
18. Vilander/Salaquarda – Ferrari – a 2 giri
19. Toril/Ryabov – Ferrari – a 2 giri *

Ritirati

20. Maleev/Ladygin – Ferrari – 17 giri *
21. Ardagna Perez/Cirò – Ferrari – 12 giri *
22. Proczyk/Mengesdorf – Lamborghini – 3 giri *

* FIA GT3


Stop&Go Communcation

Il team Hexis chiude in bellezza il weekend al Moscow Raceway del FIA GT1 World Championship, con la doppietta messa […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/fiagt1-020912-02.jpg Moscow Raceway, Gara 2: Sotto la pioggia doppietta McLaren