Due su due per Andrea Palma. Il pilota romano, al volante della Ferrari 458 Italia del Black Team, ha messo tutti dietro nel secondo round della GT Sprint International Series di scena sullo storico tracciato di Imola. Il portacolori della squadra lombarda ha condotto dall’inizio alla fine il secondo start della giornata, in cui è figurato tra i protagonisti anche Lorenzo Bontempelli, il quale ha occupato il secondo gradino del podio grazie ad una performante 430 della Kessel Racing sempre in configurazione GTS2.

Alle spalle delle due vetture di Maranello non si è fatto trovare impreparato Glauco Solieri che, con una Porsche 997 del team Autorlando, ha conquistato il “bronzo” conducendo una gara esemplare. Quarto alla bandiera a scacchi l’alfiere del debuttante Ombra Racing Team Mario Cordoni che, con una Ferrari 458 Italia, ha conquistato anche il gradino più alto della GTS3.

GTS Open sotto il segno di Piero Necchi che ha riscattato così il weekend sfortunato di Monza portandosi quinto nella classifica assoluta e primo nella sua stessa classe di appartenenza al volante di una BMW M3 E92 della N-Racing. Nel GTS Cup Trophy tanti colpi di scena hanno caratterizzato Gara 2, al termine dei 30 minuti di gara Roberto Silva è riuscito a mettere tutti dietro su una velocissima 997 della Ebimotors precedendo le altre due vetture della casa di Stoccarda di Vittorio Bagnasco e Nicolò Granzotto.

Cronaca

Al pronti via parte bene Palma, seguito da Bontempelli e Glauco Solieri, anche lui autore di un ottimo avvio. Alle spalle della vettura del team Autorlando si porta la Ferrari 458 GTS3 di Cordoni, insidiata nelle battute iniziali da Roberto Del Castello che, con la Corvette Z06, dà vita ad un acceso duello terminato con un testacoda proprio del portacolori della RC Motorsport, che scivola nelle retrovie ed è costretto al ritiro nel fasi successive della gara. Palma aumenta il distacco da Bontempelli giro dopo giro, mentre Solieri insegue mantenendo una condotta impeccabile. Dietro la vettura di Stoccarda sfilano le due BMW di Andrea Bacci e Piero Necchi, particolarmente a suo agio sul circuito del Santerno.

Nelle tornate a seguire si accende la sfida sportello contro sportello tra i due marchi rivali per antonomasia della GTS Cup: Ferrari con Alessandro Bernasconi e Porsche con Vittorio Bagnasco; dopo essersi contesi la settima posizione curva dopo curva l’alfiere della Scuderia Baldini 27 Network è costretto a cedere il passo al pilota siciliano a causa di un problema al cambio. Dal gruppo inseguitore invece inizia la risalita di Roberto Silva che, giro dopo giro, riesce a portarsi fino alla sesta posizione proprio davanti allo steso Bagnasco.

Allo sventolare della bandiera a scacchi chiudono la top ten Nicolò Granzotto, su una 997 GTS Cup B, Gian Maria Gabbiani, con una Rossa della Scuderia La.Na ed Angelo Schiatti, al volante della 997 della GDL Racing.

Il prossimo appuntamento è in programma sui suggestivi saliscendi del Mugello il prossimo 3 giugno per il terzo round stagionale sempre all’insegna dello spettacolo fuori e dentro la pista.


Stop&Go Communcation

Due su due per Andrea Palma. Il pilota romano, al volante della Ferrari 458 Italia del Black Team, ha messo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/sportgt-220412-02.jpg GT Sprint – Imola, Gara 2: Doppietta per Andrea Palma