Sul circuito internazionale di Monza la prima gara del settimo round dell’International GT Open ha come vincitori il duo Raymond Narac e Patrick Pilet che tagliano per primi il traguardo sotto una pioggia scrosciante e dopo una gara combattutissima, a bordo della Porsche 997 della Imsa Performance Matmut. Dietro di loro la Chevrolet Corvette della V8 Racing, con Raffaele Giammaria e Miguel Ramos, e la Porsche 997 della Manthey Racing pilotata da Marco Holzer e Nick Tandy.

Per la classe GTS la vittoria, dopo un finale di gara al cardiopalma, va alla Porsche 997 della Autorlando con a bordo Matteo Beretta e Marcello Puglisi, che terminano in ottava posizione assoluta, seguiti dalla Ferrari 458 della AF Corse pilotata da Stefano Bizzarri e Andrea Rizzoli (noni) e dalla F458 della Kessel Racing sul cui sedile si sono alternati Marco Zanuttini e Stefano Gattuso (undicesimi).

Non c’è bagarre in partenza, la pista è bagnata ma non piove e Bruni, al comando, passa indenne alla prima variante, mentre Montermini, secondo, va lungo ma mantiene la seconda posizione, incalzato da Zampieri in terza, Ramos, Bontempelli, Christodoulou, Tandy, Narac e Barba. A causa della pista bagnata sono in molti a tagliare la chicane e, al quinto giro, Tandy va in testacoda mentre combatte per la quinta posizione, esce di pista e rientra in quattordicesima piazza. Mentre Bruni accumula secondi di vantaggio su tutti (all’ottavo giro ha oltre 10 secondi su Montermini) dalle retrovie rimonta Moncini che si porta in settima posizione.

Al dodicesimo giro la Ferrari 458 n. 11 della Kessel Racing va in fiamme nel posteriore ed è costretta al ritiro. In pista si susseguono duelli agguerriti con sportellamenti ed è difficile mantenere la traiettoria con la pista che si sta asciugando, molti vanno fuori pista in curva fortunatamente senza grandi conseguenze. Nel frattempo Christodoulou attacca Zampieri approfittando del fatto che nel doppiare Hamilton sono entrambi costretti a rallentare, i numerosi tentativi restano senza successo e quando viene aperta la pit lane per la sosta obbligatoria, al tredicesimo giro, Bruni ha oltre 15” di vantaggio su Montermini, entrambi saranno fra gli ultimi ad effettuare il cambio pilota.

La Ferrari della AF Corse ha 20” di handicap da scontare ma rientra in pista comunque al comando con Federico Leo, mentre Lòpez, che ha sostituito Montermini, è in quarta posizione dietro a Pilet e Giammaria. Prima della GTS una disastrata Porsche 997 della Autorlando che perde pezzi ovunque ma che continua ostinata la sua corsa con Mapelli al volante, dietro di lui Malucelli con la Aston Martin Vantage, Dalle Stelle e Puglisi. Al ventunesimo giro Pilet passa Leo che ha problemi di attrito a causa di una foratura che porterà con se fino al termine della gara, poco dopo la n. 4 viene sorpassata anche da Giammaria, mentre c’è battaglia accesa per il comando della classe GTS. Intanto ricomincia a piovere e la pista torna improvvisamente insidiosa e ci sono numerosi testacoda e uscite di pista. Anche Leo negli ultimi giri va in testacoda e perde per un soffio il podio a favore della Porsche della Manthey Racing.

Ma l’emozione più forte la regala la GTS con Mapelli, Dalle Stelle e Puglisi che entrano affiancati alla Lesmo, Mapelli è stretto tra i due rivali Puglisi all’interno resta in traiettoria e si porta al comando mentre Dalle Stelle, all’esterno rimane sulla ghiaia. Mapelli ci rimette la gomma posteriore sinistra e si ferma ai box per il cambio finendo la gara in quarta posizione. All’ultimo giro anche la Mc Laren si ferma in mezzo alla pista con un problema meccanico offrendo gli ultimi brividi.

Domani la seconda gara alle h. 13.30.

Risultato gara 1

Classifica generale dopo gara 1

Gioia Cafaro


Stop&Go Communcation

Sul circuito internazionale di Monza la prima gara del settimo round dell’International GT Open ha come vincitori il duo Raymond […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/96_5312-4-240.jpg GT Open – Monza, Gara 1: Con la pioggia è conferma Porsche