Non è arrivata la vittoria, ma contro lo squadrone di Lamborghini Gallardo era difficile avere la meglio: ciò nonostante il pilota fiorentino Ale Baccani, a Monza in coppia con Christian Passuti, centra in Gara 1 la seconda posizione che gli vale il quarto podio stagionale (dopo il terzo posto di Imola e i due secondi posti al Mugello).

Decisamente più sfortunata la coppia Baccani-Passuti in gara 2, che si deve accontentare di una posizione nelle retrovie (nono posto). A causa di una violenta sportellata subita dal russo Kruglyk, Ale Baccani è costretto quasi ad alzare bandiera bianca: il pilota fiorentino riesce però a rimanere in pista e a consegnare la vettura a Passuti che è costretto a percorrere il secondo stint di gara senza la portiera!

Grazie al risultato di Monza e ai punti accumulati, Ale Baccani conquista la settima posizione nel campionato a quota 111 punti (al quarto posto tra i piloti Porsche).

Ale Baccani: “Il secondo posto ottenuto in gara 1 è stato per noi il massimo risultato possibile, tenendo conto che qui a Monza le Lamborghini avevano una marcia in più rispetto a Porsche e Ferrari. Il mio passo in gara è stato buono e avrei forse potuto limare qualche decimo al mio tempo sul giro, ma ho preferito tenermi stretto il secondo posto e festeggiare sul podio.

In gara 2 sono dovuto partire dall’ultima fila a causa della rottura della frizione in qualifica che non mi ha permesso di concludere nemmeno un giro cronometrato. Sono scattato molto bene e già alla fine del primo giro ho superato tutte le vetture di classe GT4, poi ho scavalcato le Porsche di De Giacomi, Gaiotto e infine quella di Kruglyk, tanto che alla fine del terzo passaggio mi sono ritrovato il settima posizione di classe (quindicesima assoluta dalla trentaquattresima di partenza).

Alla prima variante purtroppo Kruglyk, che avevo da poco superato, ha completamente sbagliato la frenata e mi ha centrato in pieno. Sono riuscito a ripartire e tornare ai box qualche giro più tardi e Christian ha concluso la gara con la vettura danneggiata nella fiancata destra e senza una portiera, ma a due giri di distacco dai primi. Accetto le scuse che Kruglyk è venuto a porgermi a fine gara per l’errore commesso, ma rimane il fatto che, oltre ai danni alla vettura, ci ha tolto la possibilità di completare la rimonta e puntare nuovamente al podio.”


Stop&Go Communcation

Non è arrivata la vittoria, ma contro lo squadrone di Lamborghini Gallardo era difficile avere la meglio: ciò nonostante il […]

GT Italia – Ale Baccani chiude la stagione con un meritato secondo posto