E’ stata una 24 Ore davvero avvincente e ricca di colpi di scena, dall’inizio alla fine, grazie anche alla “collaborazione” della pioggia, culminata col trionfo meritato della BMW.

Alla partenza le due McLaren di Kevin Estre e Alvaro Parente riescono a sopravanzare all’Audi del poleman Frank Stippler e a prendere un buon vantaggio sul gruppo degli inseguitori (capitanato da Audi e completato da BWM e Bentley).

Pochi minuti dopo lo start la Ferrari #52 AF Corse di Toni Vilander esce di pista alla Rivage a causa di un problema ai freni ed è costretta alle riparazioni ai box. Ancora qualche istante e il pubblico torna a trattenere il fiato per lo spettacolare crash della Ferrari #90 a Les Combes, che causa parecchi minuti di safety car per permettere la rimozione della vettura e per la riparazione del guard rail. Stessa situazione e stesso posto per la BMW #15.

Alla quarta ora l’Audi #1 tiene un rimo impressionante riuscendo a prendere la leadership, dietro BMW e Mercedes.

Ad inizio della quinta, sulla BMW #9 del Roal Motorsport debutta Alex Zanardi al posto di Timo Glock, prima 24 Ore per il pilota italiano, dopo una stagione trascorsa, sempre a bordo della Z4, nel Blancpain Sprint Series.

A 18 ore dal termine primo colpo di scena. L’Audi #1 va in testacoda e accusa diversi problemi, situazione che pregiudicherà l’esito della kermesse belga. In casa Kessel Racing cresce il rammarico quando la Ferrari #11 di Andrea Piccini va ad impattare a la Source per la rottura dei freni contro la Mercedes #29 del Black Falcon di Nico Verdonck.

Nella notte la #99 conduce, seguono l’Audi #2 e le due BMW del Marc VDS. Le Bentley si ritirano e McLaren e Lamborghini rallentano. In AM nel frattempo la Ferrari conduce indisturbata.

Al sorgere del sole, BMW e Audi si passano a vicenda la prima posizione e Mercedes scivola al terzo posto.

Quando il cronometro segna -6 ore Lamborghini e BMW #45 alzano bandiera bianca, a questo punto la squadra di Monaco di Baviera punta tutto sulla 46. Proprio quest’ultima infatti dimostra di poter competere contro l’Audi, allungando anche il gap dalla casa dei 4 anelli. Rammarico nel frattempo in casa Roal Motorsport, dove la BMW #9 di Zanardi, Glock e Spengler è costretta a parcheggiare ai box.

Sotto alla bandiera a scacchi esplode la gioia di BMW che torna vincere dopo 17 anni. In Pro Am la Ferrari  fa doppietta con la #47 di AF Corse conquista il successo con Gianmaria Bruni, Alessandro Pier Guidi, Stephane Lèmeret e Pasin Lathouras, davanti alla gemella #51 e alla BMW #79 dell’Ecurie Ecosse.

Classifica completa

Matteo Milani


Stop&Go Communcation

A Spa la BMW Z4 GT3 del Marc VDS di Lucas Luhr, Markus Palttala e Nick Catsburg trionfa davanti alle due Audi R8 del WRT e Phoenix

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/07/bmw_24h_spa.jpg BES – Spa, Report: BMW torna alla vittoria assoluta dopo 17 anni. In AM è festa AF Corse