A distanza di cinque mesi dalla fine del campionato, la Corte d’Appello Internazionale della FIA ha confermato la vittoria della Blancpain Endurance Series all’equipaggio formato da Stephane Ortelli, Christopher Haase e Christopher Mies, portacolori del team WRT.

Il verdetto era rimasto in sospeso per il ricorso presentato dalla scuderia rivale Marc VDS Racing al termine dell’ultima gara sul circuito di Navarra, relativamente ad una presunta irregolarità compiuta nella procedura di pit-stop sull’Audi numero 1.

Secondo la compagine legata alla BMW, la formazione avversaria aveva violato gli articoli 89, 90 e 92 del regolamento utilizzando sollevatori pneumatici per il cambio gomme. Il team Marc VDS Racing si era rivolto al tribunale della Federazione dopo aver visto respinta la propria istanza da parte dei commissari.

Il delegato tecnico, infatti, aveva ritenuto conformi le operazioni ai box, in quanto la documentazione video dimostrava che i meccanici del team WRT facessero uso del sollevatore soltanto dopo aver completato il rifornimento.

Alla fine, comunque, anche la FIA ha dato ragione al team WRT, senza modificare l’esito della stagione 2012.

“Finalmente possiamo festeggiare il nostro titolo! Siamo felici che il successo conquistato in pista non sia stato ribaltato, sarebbe stato molto ingiusto”, ha dichiarato soddisfatto Vincent Vosse, direttore sportivo del team WRT. “Siamo coinvolti in questo sport con passione e fair play, mettiamo tutta la nostra energia dietro ai nostri piloti e alle nostre auto e puntiamo alla vittoria, ma rispettando rigidamente le regole”.

“Riteniamo che questo sia lo spirito che dovrebbe prevalere in ogni competizione, ed è la filosofia che continueremo a seguire”.

Diego Airoldi


Stop&Go Communcation

La Corte d’Appello della FIA ha confermato la vittoria della Blancpain Endurance Series di Stephane Ortelli, Christopher Haase e Christopher Mies.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/03/wrt-marcvds-blancpain-090313-01.jpg BES – Ortelli/Haase/Mies confermati campioni, respinto il ricorso di Marc VDS