Mark Ineichen, Marcel Matter, Adrian Amstutz, Rolf Ineichen e Christian Engelhart hanno vinto l’edizione 2014 della 24 Ore di Dubai al volante della Porsche 997 GT3-R #20 curata da Stadler Motorsport e iscritta nella categoria A6-Pro.

La compagine svizzera ha spezzato il dominio del Team Abu Dhabi by Black Falcon attivo da un paio di anni e ha agguantato la testa della corsa a sei ore dalla bandiera a scacchi, in seguito al danneggiamento del radiatore in cui è incappata la Ferrari 458 Italia GT3 #30 di Ram Racing guidata da Johnny Mowlem e al problema al cambio che ha interessato la Porsche 997 GT3-R #4 di FACH TECH AUTO diretta da Connor De Philippi.

Al termine della massacrante competizione, la quale è stata funestata da numerose neutralizzazioni, il secondo posto è stato conseguito dall’equipaggio composto da Münnich/Basseng/Huff, esibitosi nell’abitacolo della Mercedes SLS AMG GT3 #38 gestita da ALL-INKL.COM Münnich Motorsport e giunto all’arrivo con tre giri di distacco dalla vettura vincitrice. Team Abu Dhabi by Black Falcon, dopo aver dominato la parte iniziale dell’evento insieme alla Corvette C6.R #21 di Nicky Pastorelli, ha constatato il ritiro della propria Mercedes #1 assegnata a Schneider/Al-Qubaisi/Bleekemolen/Simonsen a causa di un problema elettrico e ha introdotto sull’ultimo gradino del podio la #2 pilotata da Al-Faisal/Haupt/Christodoulou/Bleekemolen/Al-Qubaisi. Intorno alla decima ora, i meccanici della squadra tedesca avevano cambiato la batteria a bordo della #1.

Da sottolineare risulta anche la quarta piazza raggiunta dall’equipaggio formato da Mattschull/Ehret/Kogay/Kaffer/Seefried, valoroso alfiere di GT Corse; nella categoria A6-Am ha invece trionfato Dragon Racing con Grogor/Al-Mudhaf/Fatien/Jawa mentre una delle automobili pretendenti al successo, la Mercedes SLS AMG GT3 #19 curata dal personale di GDL Racing, ha subito un contatto che ha danneggiato una sospensione. La Ferrari 458 Italia GT3 #5 preparata da AF Corse e gestita dai componenti di Spirit of Race, guidata anche da Gianmaria Bruni e Toni Vilander, è stata invece fermata da una noia al motore; l’Aston Martin V12 Vantage GT3 #7 di Craft Racing AMR è stata altresì incidentata da Tomonobu Fujii alla terza ora di gara.

Un risultato degno delle migliori aspettative è stato colto da Förch Racing by Lukas Motorsport, laureatosi vincitore della divisione riservata alle Porsche 997 GT3 Cup; Speedworks Motorsport e Nissan GT Academy Team RJN hanno inoltre trionfato rispettivamente nelle classi SP3 ed SP2.

Classifica – Gara

Gabriele Sbrana


Stop&Go Communcation

La compagine elvetica ha spezzato il dominio inscenato dal Team Abu Dhabi by Black Falcon dal 2012, insieme a un mastino come Bernd Schneider…

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/01/24hdubai-stadler-110114-01.jpg 24 Ore di Dubai – Gara: Stadler Motorsport ferma il dominio del Team Abu Dhabi by Black Falcon