Il 38° Rally 1000 Miglia è pronto a partire questo fine settimana, il 28 e 29 marzo, e sicuramente scriverà una nuova pagina di storia sportiva: la gara andrà infatti ad inaugurare un nuovo corso dei rallies italiani, il CAMPIONATO ITALIANO WRC , che proprio da Brescia vedrà la sua genesi, allungandosi con altre cinque gare durante la stagione.

Il nuovo format di gara e la nuova tipologia di questo Campionato hanno conferito nuovi stimoli alla corsa, che ha nuovamente riscontrato un ampio consenso da parte del settore, confermato da ben 106 adesioni, un numero che supera ampiamente gli elenchi iscritti del recente passato. Nel dettaglio sono 74 equipaggi iscritti per la gara WRC, 32 per la gara “Junior” e 10 per le auto storiche.

Appreso l’elenco degli iscritti al 38° Rally 1000 Miglia, si può senza dubbio affermare che il primo start del Campionato Italiano Rally WRC non poteva essere migliore. Scorrendolo, balza all’occhio la grande qualità – oltre alla confortante quantità – delle oltre 100 adesioni, in termini di piloti e di vetture che daranno vita a una gara destinata a rimanere impressa nella mente degli sportivi appassionati e degli addetti ai lavori. La sfida del “1000 Miglia” targato duemilaquattordici, si avvia dunque verso una nuova edizione ricca di contenuti, andando così a proseguire la tradizione del rallysmo bresciano, una di quelle a più ampio valore non solo in Italia.

La nuova validità tricolore riservata alle vetture World Rally Car farà tornare sulle strade bresciane il massimo dell’espressione tecnologica per i rallies dopo oltre dieci anni di assenza. Infatti, l’ultimo anno in cui una macchina del genere si è vista in gara lungo le Prove Speciali del Rally 1000 Miglia è stato il 2003, tra l’altro nell’unica edizione che – fino ad oggi – ha visto vincere un pilota straniero a Brescia, il portoghese Campos con una Peugeot 206 WRC. Sarà interessante anche l’aspetto puramente tecnico, con la sfida che sarà concentrata tra le “vecchie” vetture WRC da 2000 cc. turbo e quelle dell’ultima generazione, con un propulsore 1600 cc. sempre turbocompresso.

Dall’edizione di quest’anno si torna dunque a rivedere queste fantastiche vetture, in una giornata di gara che si annuncia quanto mai spettacolare ed adrenalinica. Sarà anche una sfida tutta “bresciana”: su tutti spicca la presenza di Alex Caffi, ex pilota di F1 e capace di guidare al vertice ogni tipo di automezzo da corsa, qui al debutto con una Ford Fiesta WRC 1600 Turbo, a cui si opporrà l’eclettico Luca Pedersoli, al via con una più datata ma anche più potente Citroen C4 WRC 2000 turbo. Caffi, davanti al pubblico amico, cercherà ovviamente di dare il massimo con la vettura inglese dell’ovale blu e il “Pede” tornerà – dopo dieci anni – ad essere protagonista nella gara “di casa” ed il fatto di non averla mai vinta sarà per lui uno stimolo in più per avviare al meglio la stagione tricolore. Per il successo si guarda anche al comasco Paolo Porro, Campione del Trofeo Rally Asfalto 2013, pure lui al via con una C4 WRC ed al veneto Manuel Sossella (Ford Fiesta WRC), Campione uscente invece della serie IRCup, al giovane trevigiano Marco Signor (Ford Focus WRC), al comasco Simone Miele (Citroen Xsara WRC, con cui sarà al debutto) ed anche al vicentino Efrem Bianco (Ford Fiesta WRC).

Sarà un rally avvincente perché non mancheranno altri attori di alto livello, tra cui il bresciano “Pedro”, che – dopo i successi continentali e tricolori al volante di auto storiche – proverà l’ebbrezza di una vettura moderna, nello specifico una Peugeot 207 S2000, l’altro bresciano Cristiano Manzini (Ford Fiesta WRC), oltre a Marco Roncoroni, ad Alessandro Bosca (vice Campione italiano 2013 nel “Produzione”) e ad Andrea Liberini, anch’essi al via con Peugeot 207 S2000. L’architetto calabrese Franco Laganà, di nuovo ai nastri di partenza con una Mitsubishi Lancer Evo X Gr. N, proverà a riconfermarsi il re delle vetture derivate dalla serie mentre, tra le due ruote motrici, prenota il successo un altro bresciano “di lusso”, il giovane Stefano Albertini, impegnato quest’anno nel Campionato Italiano Rally come driver ufficiale Peugeot, il quale correrà a titolo di test con la sua 208 R2, cercando ovviamente di onorare al meglio la gara di casa. Al via del “1000 Miglia” ci sarà anche il trofeo monomarca Suzuki Rallye Cup, la serie del costruttore giapponese che quest’anno festeggia il settimo anno di vita. Sarà un vero valore aggiunto all’intera gara, con sfide che si annunciano anche questo caso assai tirate.

La manifestazione ha avuto un notevole seguito tra i piloti locali proponendo una novità, quella delle due gare in una: da una parte quella valida per il tricolore WRC, e, dall’altra, il Rally 1000 Miglia Junior, creato ad hoc per dare la possibilità ad un ampio ventaglio di equipaggi di correre il “1000” senza dover impegnare un budget importante, visto il suo chilometraggio ridotto. Con questa alternativa “light”, l’Automobile Club Brescia conferma la propria grande attenzione alle vicende dello sport automobilistico, proponendo una innovativa formula di gara “low cost” con una tassa di iscrizione notevolmente ridotta. Lo svolgimento della gara “Junior” è previsto in coda a quella maggiore nella sola giornata di sabato 29 marzo, preceduto dalle verifiche sportive e tecniche nella prima mattinata dello stesso giorno. Nel dettaglio, i partecipanti alla gara “Junior” disputeranno le Prove Speciali “Conventino” e “Tremosine” una sola volta mentre le restanti due (“Valvestino” e “Pertiche”) saranno percorse in due occasioni: a differenza della gara “maggiore”, la Prova Speciale “Pertiche” avrà un chilometraggio ridotto a poco meno di 15 chilometri.

Il programma di gara per il tricolore WRC è assai snello: due le giornate riservate alle ricognizioni, sabato 22 marzo scorso e domani, giovedì 27 marzo. In entrambi i casi gli orari saranno dalle 08.00 alle 19.00, sotto la stretta sorveglianza di Forze dell’Ordine e Ufficiali di Gara. Sempre giovedì 27, dalle ore 17.00 alle 20.30 vi sarà la possibilità di effettuare le pre-verifiche amministrative e l’indomani, venerdì 28, dalle 09.00 alle 13.30 si svolgeranno le verifiche amministrative e tecniche. A seguire, a Gavardo, dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 13.00 alle 15.30, avrà luogo lo Shakedown, con il quale i concorrenti entreranno definitivamente nel clima di gara. La partenza tecnica avverrà alle ore 20.00 dal Rally 1000 Miglia Village, ubicato in adiacenza al casello autostradale di “Brescia Centro”, e sarà seguita alle 20.15 dal transito presso la sede del Museo Mille Miglia che precederà la cerimonia di presentazione degli equipaggi, che avrà luogo alle ore 21.00 nel frequentato Piazzale Arnaldo alla conclusione del concerto della band bresciana Charlie and the Cats. L’indomani, sabato 29 marzo, la sfida con il cronometro: uscita dal parco chiuso notturno alle ore 07,30 ed arrivo finale a partire dalle 19,30, sempre in Piazzale Arnaldo, dopo 104,420 chilometri di sfide (65,870 saranno quelli della gara “Junior”).


Stop&Go Communcation

Il 38° Rally 1000 Miglia è pronto a partire questo fine settimana, il 28 e 29 marzo, e sicuramente scriverà […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/03/pedersoli_c4_wrchjhgj.jpg WRC Italia – Il 38° Rally 1000 Miglia al via con iscritti record!