Si correrà questo fine settimana a Melfi, in provincia di Potenza, la ventitreesima edizione del Rally Puglia & Lucania, ultima gara del Campionato Italiano Cross Country Rally CSAI. La gara, organizzata in questa occasione dalla società Sports Marketing & Management di Melfi, sarà anche prova valida per il campionato internazionale Central European Zone FIA e il Trofeo del Mediterraneo CSAI .

Auto, moto e quad si affronteranno su di un percorso di complessivi 385,59 chilometri, con un totale di 148,29 chilometri di settori selettivi, 85,29 nella prima tappa e 63,00 nella seconda. Partenza e arrivo saranno nella centrale piazza Mancini di Melfi, da cui i primi concorrenti prenderanno il via alle 13,31 di sabato pomeriggio.

La prima tappa, articolata sulle prove denominate San Fele, Rapone e Bella, si concluderà alle 20,11. Va ricordato che si correrà su di una parte del tracciato del futuro Autodromo Lucano. La seconda tappa inizierà alle 8,31 di domenica mattina e terminerà, per i primi concorrenti, alle 14,10. Verranno percorse le prove Atella, Ruvo del Monte e San Andrea. A seguire le premiazioni, che verranno come sempre effettuate direttamente sulla pedana d’arrivo.

Il Vulture, di cui Melfi è il principale centro, è un’area che gli organizzatori del 23° Puglia & Lucania conoscono bene, in quanto già sede, oltre che di questa gara, di un buon numero di edizioni del Rally del Vulture, corso per qualche anno anche in versione fuoristradistica.

Tutti i “settori selettivi” (ovvero le prove speciali di queste gare) sono ricavati su strade comunali in terra di tipo forestale con fondi di origine diversa (pietrisco, terra compatta o “macadam”), ma generalmente sempre regolari. Va ricordato che, in alcuni punti, l’organizzazione eseguirà alcuni interventi di ripristino per eliminare i solchi trasversali e longitudinali generati dallo scorrimento delle acque piovane; e che, in generale, questa tipologia di terreno non richiede, anche in presenza di pioggia, l’uso esclusivo di pneumatici da fango.

In linea di massima il percorso è tortuoso, lento e con frequenti variazioni altimetriche; è inoltre sicuro in quanto quasi sempre fiancheggiato da alberi o prati. I dislivelli, concentrati in alcuni tratti, portano da una media di quota 450 metri agli oltre 1.200 metri che si raggiungono sulle linee spartiacque delle montagne più alte.

Dopo le prime cinque prove della stagione, in testa alla classifica del Campionato Italiano Cross Country Rally e del gruppo T1 ci sono gli “ufficiali Suzuki” Codecà-Fedullo, con la loro Suzuki New Grand Vitara 3.6 T1. Li seguono Petrucci-Manfredini che quest’anno, con la loro Suzuki Nuova Grand Vitara 1.9 TD, oltre che secondi assoluti e primi del gruppo T2, sono anche leader del Trofeo del Mediterraneo e del Suzuki Challenge. Al terzo posto assoluto del campionato ci sono invece gli agguerriti Fichera-Narzisi, in gara con l’altra Suzuki ufficiale, la New Grand Vitara 2.7 T1.

Va ancora ricordato che il gruppo T3 è guidato da Larini-Pellicciotti (Dust Devil), il TM da Salerno-Ugazio (Polaris Razor) mentre nel TH la lotta è fra Bertoni-Vanni (Suzuki Grand Vitara 2.0 TH2), Borsoi-Faldon (Mitsubishi Pajero 3.2 TD (TH4) e Lelli-Pontini (Suzuki Grand Vitara 2.0 (TH2).


Stop&Go Communcation

Si correrà questo fine settimana a Melfi, in provincia di Potenza, la ventitreesima edizione del Rally Puglia & Lucania, ultima […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/rally-041011-01.jpg Nel week-end si corre a Melfi il 23° Rally Puglia & Lucania