Corrado Fontana e Nicola Arena, a bordo della Ford Focus WRC curata dalla GMA Racing per i colori della scuderia Bluthunder Racing Italy, si sono aggiudicati il 20° Rally Internazionale del Taro, prova d’apertura del campionato IRCup 2013. Alle sue spalle Felice Re e Mara Bariani (Citroen C4 WRC), che dopo una prima parte di gara al comando hanno difeso la seconda piazza. Completano il podio Manuel Sossella e Walter Nicola, impegnati a prendere le misure alla Fiesta WRC che portavano in gara per la prima volta.

La gara si era aperta ieri pomeriggio nel segno di Felice Re, che aveva fatto suoi entrambi i passaggi sulla speciale di Bardi andando a dormire con un contenuto ma significativo vantaggio. Ieri mattina sembrava essere ancora lui il mattatore, ma dalla quarta speciale a mescolare le carte in tavola ci hanno pensato la pioggia e un determinato Corrado Fontana: il vincitore del Rally del Taro 2006 ha imposto alla gara un ritmo al quale gli avversari non hanno saputo tener testa, scavando fra sé e il resto del gruppo un solco che si è incrementato prova dopo prova. Così è salito per primo sul palco d’arrivo di Bedonia, bissando il successo ottenuto sette anni fa nella gara organizzata dalla Scuderia San Michele.

Alle sue spalle è quindi giunto Re, al debutto sulle strade della Valtaro, che con l’arrivo della pioggia ha lamentato qualche problema con l’assetto, ma ha comunque dimostrato di essere uno dei sicuri protagonisti del campionato. Completa il podio un regolare Manuel Sossella, mai in grado di entrare nella lotta al vertice ma comunque costante, che ha sfruttato i km della Valtaro per prendere confidenza con la Ford Fiesta, nuova arma a disposizione dopo anni di WRC della precedente generazione.

Luca Ambrosoli (Citroen Xsara WRC) si aggiudica il quarto posto, con una gara regolare dopo un testacoda con spegnimento del motore nelle battute iniziali, mentre Stefano Albertini con una gara tutta all’attacco e senza sbavature completa la top five, piazzando la sua Peugeot 207 S2000 a ridosso delle WRC e nettamente in testa alla S2000, dove precede Stefano Capelli.

Da segnalare anche le prestazioni di Fabio Federici (Renautl Clio S1600), settimo e vincitore fra le due ruote motrici, perfettamente a suo agio sulle strade di casa rese viscide dalla pioggia, e dello svizzero Ivan Ballinari (Peugeot 207 S2000), ottavo assoluto.

A completare la top ten i due principali protagonisti del Trofeo Renault Clio R3 Irc: Gabriele Tognozzi e Marco Asnaghi, giunti nell’ordine staccati di appena 1/10 di secondo dopo un rocambolesco finale di gara (come si legge più sotto).

Buona anche la prestazione di Alessio Santini, che dopo un inizio arrembante ha patito il fondo viscido della seconda parte di gara, portando a casa comunque il secondo posto di classe S1600.

Il Rally del Taro si è confermato una gara avvincente e selettiva, dove non sono mancati i ritirati illustri, fra i quali Luigi Fontana, Marco Belli e Cristiano Manzini, usciti di strada, e Max Rendina, fermo per problemi al motore. Alla fine sono stati 55 gli equipaggi che hanno visto il traguardo di Bedonia, sugli 87 partiti sabato pomeriggio dal palco di Borgotaro.

Ad aggiungere valore a un già entusiasmante Rally del Taro sono stati i trofei Renault, Peugeot e Suzuki. Quella fra le Clio di classe R3C è stata una vera e propria gara nella gara, avvincente e ricca di colpi di scena. Ad aprire le danze era stato Andrea Crugnola, poi uscito di strada sulla ps5 ed imitato da Michele Rovatti, fermo per aver staccato una ruota proprio sull’ultima curva della speciale. A quel punto è stata lotta a due fra Tognozzi e Asnaghi, che si sono sorpassati più volte fino a concludere nell’ordine per un solo decimo, con il secondo rallentato dall’appannamento del parabrezza. In un finale rocambolesco ha chiuso terzo Davide Pighi, dopo che Rudy Michelini, tentando l’attacco finale con gomme non intagliate, ha perso due posizioni sul fondo bagnato. Buon rientro per l’ex campione italiano “Pigì” Deila, sesto di trofeo al debutto con la Clio R3C.

In N3 vittoria di classe e nel “Corri con Clio” per Andrea Dini, mentre fra le Renault Twingo di classe R2B Marcello Nicoli non ha avuto rivali. Nella stessa classe, la vittoria è andata a Gabriele Cogni, anche primo di Trofeo Peugeot con la propria 208. Nel monomarca Suzuki importante vittoria di classe N2 per la Swift di Milko Pini, alimentata a GPL, mentre Filippo Visconti si è imposto con autorità fra le giapponesi in classe RS3.

Classifica (Top 10)

01. Fontana/Arena – Ford Focus WRC – 1:20:12.6
02. Re/Bariani – Citroen C4 WRC – +35.2
03. Sossella/Nicola – Ford Fiesta WRC – +50.4
04. Ambrosoli/Viviani – Citroen Xsara WRC – +2:13.1
05. Albertini/Scattolin – Peugeot 207 S2000 – +2:44.1
06. Capelli/Bergonzi – Peugeot 207 S2000 – +4:00.0
07. Federici/Bardini – Renault Clio S1600 – +4:30.2
08. Ballinari/Pianca – Peugeot 207 S2000 – +4:46.4
09. Tognozzi/Pinelli – Renault Clio R3 – +5:13.5
10. Asnaghi/Castelli – Renalut Clio R3 – +5:13.6


Stop&Go Communcation

Corrado Fontana e Nicola Arena, a bordo di una Ford Focus WRC, si sono aggiudicati il 20° Rally Internazionale del Taro, prova d’apertura dell’IRCup 2013.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/05/ircup-taro-fontana-rally-060513-01.jpg IRCup – Taro: La prima del 2013 a Corrado Fontana