Per adesso Juho Hanninen, campione 2010 e leader della classifica (ma grande assente di questo week-end), ci sta azzeccando: al Rally di Ypres il driver di casa Freddy Loix sta legittimando il suo status di favorito, svettando al termine della prima giornata di gara dell’Intercontinental Rally Challenge.

Il pilota belga, in quest’occasione fornito di una Skoda Fabia Super 2000 ufficiale, ha svettato in tutte le sie prove speciali in programma ieri, accumulando un vantaggio di 36.7 secondi nei confronti di Guy Wilks, il migliore della pattuglia Peugeot. L’inglese, in affanno nei primi rally della stagione, si è comportato molto bene e meriterebbe di riaprire il suo campionato.

 3° posto provvisorio per il campione locale Pieter Tsjoen, in bagarre con Bryan Bouffier (scampato ad una uscita di strada e ad un testacoda) e la wild-card olandese Hans Weijs, notevole 5° al suo esordio nell’IRC.

Il grande deluso è invece l’altro belga Thierry Neuville, attesissimo prima dello start. La rottura del cerchione e della sospensione anteriore destra sulla sua 207 ha costretto al ritiro l’alfiere del team Kronos Racing; non è andata meglio (anzi!) a Jan Kopecky, ko addirittura prima di cominciare la corsa vera e propria. Un brutto crash rimediato nello shakedown ha immediatamente messo fuori gioco il ceco, il più indiziato a scavalcare in campionato il compagno Hanninen. Petr Stary, navigatore di Kopecky, ha subito pure la frattura della clavicola, ma è pronto ad un rapido recupero fisico.

Altro forfait è quello di Andreas Mikkelsen, già nella PS1. Il norvegese, lungo in curva, ha impattato contro un blocco di cemento danneggiando l’anteriore della sua Fabia. Insomma, sembra proprio una sfida ad eliminazione.

Bene anche Toni Gardemeister, 7°, davanti alla Mini di Patrick Snijers e al nostro Luca Rossetti, che capeggia la pattuglia degli iscritti all’Europeo FIA. Il pilota friulano è risalito 9° rimediando ad un problema accusato dal motore della sua Abarth Grande Punto, ritrovatosi a tre cilindri nella PS4. “Rox” si è messo dietro il polacco Michal Solowow, in difficoltà invece con i freni.

Giandomenico Basso è 12° con la Proton. L’altra vettura malese, quella di PG Andersson, ha sofferto un surriscaldamento del propulsore. Bruno Magalhaes aveva iniziato molto bene, ma anche lui si è arreso per un guasto. 13° Luca Betti. Stefano Albertini, al via con la Renault Clio R3 della Gima, è 27° e 4° di classe R3.

Giornata lunghissima oggi, con tre prove in tarda mattinata, tre al pomeriggio e fuochi d’artificio finali con le ultime tre speciali in notturna.

Classifica

01. Freddy Loix – Skoda – 51.11.1
02. Guy Wilks – Peugeot – +36.7
03. Bryan Bouffier – Peugeot – +54.1
04. Pieter Tsjoen – Peugeot – +58.9
05. Hans Wejs – Skoda – +1:20.2
06. Bernd Casier – Skoda – +1:32.2
07. Toni Gardemeister – Skoda – +1:45.5
08. Patrick Snijers – Mini – +1:50.5
09. Luca Rossetti – Abarth – Ford – +1:54.5
10. Michael Solowow – Ford  – +2:00.0

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Per adesso Juho Hanninen, campione 2010 e leader della classifica (ma grande assente di questo week-end), ci sta azzeccando: al […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/rally-250611-01.jpg IRC – Ypres, Day 1: Loix domina, ko l’altro belga Neuville