“Una giornata perfetta”. È questa la sequenza di parole esatta per definire la prima tappa disputata da Juho Hanninen, pilota ufficiale Skoda, allo Yalta Rally. Il suo umore, inoltre, è migliorato ultimamente quando è arrivato al parco chiuso serale vedendo che i suoi diretti inseguitori hanno avuto diversi problemi. Inizio lento per il finnico, che dopo la PS4 si nascondeva in terza posizione. La sua grande fortuna è stato l’errore di Thierry Neuville con la sua Peugeot 207 S2000.

Il belga è dapprima finito in un fosso e, come se non bastasse, ha forato nella prova speciale successiva. Sesta posizione per lui e 5 minuti di ritardo, sarà quasi impossibile riuscire a recuperare terreno in classifica.

La seconda piazza è quindi per il redivivo Bryan Bouffier, a suo agio nel veloce asfalto ucraino. A seguire i due alfieri Skoda, ovvero Jan Kopecky e Andreas Mikkelsen. In particolare quest’ultimo ha dimostrato un grande feeling con la vettura e ha realizzato tempi di tutto rispetto, nonostante abbia patito diverse forature e una piccola uscita di strada. Kopecky, in ritardo di un minuto dalla vetta, si giocherà le carte a disposizione nella giornata di domani facendo la corsa su Bouffier, visto che Hanninen non correrà tutto il campionato.

Quinto, ma fuori dai giochi, Guy Wilks, che paga quasi 3 minuti dal battistrada e potrebbe rischiare la posizione se Neuville mettesse in mostra un bel ritmo. L’unica critica che si potrebbe muovere all’inglese, in un campionato come l’IRC sempre più dominato dalle Skoda, è di perdere quasi due minuti dal compagno di team Bouffier, sicuramente meno esperto.

A proposito di Skoda, è settimo Toni Gardemeister, che da privato potrebbe far tremare Neuville visto che i due sono divisi da meno di 30″. Ottava posizione per Karl Kruuda, bersagliato da sfortuna e diversi peccati di gioventù. Il tedesco, futuro pilota Volkswagen, è ancora molto giovane e ha scelto una gara più difficile del previsto per fare esperienza, visto che molti avversari più preparati di lui sono incappati in errori gravi.

Chiudono la top ten i nostri Marco Tempestini (Peugeot 207 S2000) e Giandomenico Basso (Proton Satria S2000), senza dubbio il più sfortunato tra tutti i concorrenti al via. Dopo aver rotto idroguida e dopo essere incappato in una foratura, Basso è arrivato al parco assistenza con la vettura malconcia. Il veneto spera di riuscire a ripartire domani mattina per mostrare a tutti cosa è capace di fare. Le altre Proton non vanno meglio: Saliuk è undicesimo alle spalle di Basso, Andersson si è ritirato per la rottura del motore…

Classifica

01. Hanninen/Markkula (Skoda Fabia S2000) 1:36:58.7
02. Bouffier/Panseri (Peugeot 207 S2000) +12.9
03. Kopecky/Stary (Skoda Fabia S2000) +1:07.5
04. Mikkelsen/Floene (Skoda Fabia S2000) +1:33.1
05. Wilks/Pugh (Peugeot 207 S2000) +2:49.0
06. Neuville/Gilsoul (Peugeot 207 S2000) +5:13.2
07. Gardemeister/Suominen (Skoda Fabia S2000) +5:48.6
08. Kruuda/Jarveoja (Skoda Fabia S2000) +6:37.5
09. Tempestini/Pulpea (Peugeot 207 S2000) +7:13.7
10. Basso/Dotta (Proton Satria Neo S2000) +9:20.0

Luca Piana


Stop&Go Communcation

“Una giornata perfetta”. È questa la sequenza di parole esatta per definire la prima tappa disputata da Juho Hanninen, pilota […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/rally-030611-02.jpg IRC – Yalta, Day 1: Giornata perfetta per Hanninen, Bouffier insegue