Trasferta in Ucraina per i team presenti nell’Intercontinental Rally Challenge, anche se a causa degli alti costi economici sono stati molti i piloti che hanno preferito rinunciare. Primo tra tutti il leader della classifica Freddy Loix, che ha ignorato questa trasferta per prepararsi al meglio per il prossimo appuntamento, il Rally di Ypres in Belgio, ovvero il round di casa sua. In casa Skoda non hanno avuto problemi a rimpiazzarlo, visto che si tratta di un privato.

Il sostituto sarà Juho Hanninen, campione in carica che potrebbe essere all’ultima apparizione in questo campionato (almeno per quest’anno) visto che a partire dal Rally di Finlandia correrà tutte le gare del Mondiale con una Fabia in versione RRC, insieme a Karl Kruuda (presente allo Yalta), per conoscere i tracciati in vista del debutto nel 2013 con la Volkswagen Polo WRC. Le Skoda hanno monopolizzato questo rally: oltre ad Hanninen e Kruuda, al via con una vettura ceca ci sono anche Mikkelsen, Kopecky, Gardemeister e Sandell.

Il primo rivale di Hanninen sarà però Thierry Neuville. Il belga, dopo aver dominato il rally di Corsica, si prepara a conquistare la testa della classifica in caso di un passo falso di Kopecky. Yalta Rally significa anche Proton: in Ucraina il team malese schiera tre vetture, destinate a Giandomenico Basso, PG-Anderson e per il plurivincitore del vecchio campionato sovietico Saliuk. Basso, al secondo gettone di presenza con la Satria, spera in un risultato di rilievo, anche se la concorrenza non concederà molto spazio agli uomini in giallo.

Tra gli italiani parteciperà anche Marco Tempestini, con una Peugeot 207 S2000 privata. La casa francese schiera anche Guy Wilks e Bryan Bouffier, che deve rifarsi dopo aver perso clamorosamente la 4° posizione in Corsica facendo un errore nell’ultima prova speciale.

Altra S2000 è la Ford Fiesta di Tamrazov, che dopo aver corso alcuni appuntamenti nell’Europeo cerca la fortuna sulle strade amiche. 52 vetture iscritte, quattordici prove speciali in programma. La gara finirà sabato mattina, e sicuramente al termine della avremo un nuovo leader della classifica generale.

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Trasferta in Ucraina per i team presenti nell’Intercontinental Rally Challenge, anche se a causa degli alti costi economici sono stati […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/rally-010611-05.jpg IRC – Senza il leader Loix in Ucraina è duello Neuville-Hanninen?