Finale a sorpresa al Rally delle Isole Canarie, secondo appuntamento dell’Intercontinental Rally Challenge. Andreas Mikkelsen, leader della gara fino a 10 chilometri dal traguardo, è stato costretto a rallentare a causa di un problema (perdita di potenza) accusato dal suo motore, che lo ha costretto ad accontentarsi della seconda posizione.

La corsa, equilibrata fin dalle prime battute, è andata perciò al ceco Jan Kopecky, che ha iniziato l’ultima speciale con un ritardo di 3″6, salvo poi chiudere la pratica con 28″ di vantaggio nei confronti del compagno di marca, frenato dai guai della sua Skoda Fabia S2000. E pensare che per il ceco, diventato leader dopo la PS9 (l’ultima di ieri) per scelta dello stesso Mikkelsen, la mattinata era partita nel peggiore dei modi.

Il norvegese del team Skoda UK aveva infatti vinto le prime 3 speciali odierne riportandosi subito in testa; nella ripetizione pomeridiana è stato il ceco a fare “tris”, beffando il compagno negli ultimi 16 km della prova “Valleseco 2”.

Il locale Luis Monzon, al via con una Peugeot 207 S2000, conquista il podio grazie a una prestazione caparbia e sempre tra le posizioni di testa, classificandosi nella top 5 in tutti i settori cronometrati. Solo quarto il tedesco Sepp Wiegand, che ha guadagnato una posizione rispetto a ieri grazie al ritiro del connazionale Hermann Gassner Jr, ko nella PS10 a causa di un incidente. Il tedesco è stato “tradito” da una nota dettata dal copilota Wicha Klaus, a suo dire errata rispetto alla difficoltà della curva in cui il 23enne è andato a sbattere, danneggiando il posteriore della macchina.

Il resto della top ten è occupato dai locali Vinyes (Suzuki Swift S1600), Antxustegui (Suzuki Swift S1600), Marrero (Honda Civic Type R3), dall’ungherese Puskadi (Skoda Fabia S2000) e da Al-Ketbi (Skoda Fabia S2000). Robert Consani (12° su Renault Megane) ha vinto la classifica riservata alle vetture Produzione davanti a Marco Tempestini (15° su Subaru Impreza R4).

Nonostante questa delusione, Mikkelsen può sorridere guardando la classifica generale: il campione in carica ha raggiunto quota 43 dopo due round, inseguito da Kopecky (25) e da Wiegand (24). Il prossimo evento dell’URC sarà il Circuit of Ireland, il 6-7 aprile, dove potrebbero arrivare nuovi avversari per una Skoda sin qui apparsa inarrivabile.

Classifica

01. Kopecky/Dresler (Skoda Fabia S2000) 2:21:46.5
02. Mikkelsen/Floene (Skoda Fabia S2000) +28.3
03. Monzon/Deniz (Peugeot 207 S2000) +3:13.6
04. Wiegand/Gottschalk (Skoda Fabia S2000) +4:32.0
05. Perez/Velasco (Peugeot 207 S2000) +7:29.3
06. Vinyes/Mercader (Suzuki Swift S1600) +9:00.3
07. Antxustegui/Suarez (Suzuki Swift S1600) +9:18.9
08. Marrero/Marrero (Honda Civic Type R3) +11:27.4
09. Puskadi/Godor (Skoda Fabia S2000) +12:03.3
10. Al/Ketbi/Al/Kendi (Skoda Fabia S2000) +14:43.5

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Finale a sorpresa al Rally delle Isole Canarie, secondo appuntamento dell’Intercontinental Rally Challenge. Andreas Mikkelsen, leader della gara fino a […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/rally-170312-03.jpg IRC – Canarie, Day 2: Finale thriller, Kopecky vince nell’ultima speciale