Bruno Magalhaes non vuole farsi sfuggire la possibilità di trionfare nella competizione di casa, e lo ha dimostrato durante la seconda giornata del Rally delle Azzorre, contenendo Juho Hanninen ed esercitando insieme al pilota finnico un continuo tira e molla. Il distacco fra Magalhaes e Hanninen è di solo 2.2”, mentre Jan Kopecky attende l’evolversi della vicenda a 8.2 secondi di distanza.

Andreas Mikkelsen, al volante della Ford Fiesta, è nel mirino della Peugeot 207 di Kris Meeke e gestita da Kronos Racing. Il pilota inglese, vincitore del secondo passaggio di Feteiras, ha compiuto un testacoda sulla sesta speciale di Sete Cidades ed ha perso quindi venti secondi. Inoltre, durante lo svolgimento della SS10 di Lagoa/Marques misurante 14.90km, al quarto chilometro, Meeke ha subito la foratura del copertone posteriore sinistro. Totalmente, il driver di Peugeot UK ha forato tre volte, delle quali la prima, causata da una roccia nascosta, ha provocato il testacoda. Inoltre, Meeke ha pure la febbre…

Dopo i nomi più blasonati, il plotone dei piloti locali è capitanato da Bernardo Sousa, che accusa 2:23.6 di distacco dal primo classificato. Nella giornata di domani, partirà per primo e pulirà le strade l’inglese Kris Meeke.

Classifica – Day 2:

  1. Bruno Magalhaes – Peugeot 207 – 1:28:35.8
  2. Juho Hanninen – Skoda Fabia – + 2.2
  3. Jan Kopecky – Skoda Fabia – + 8.2
  4. Andreas Mikkelsen – Ford Fiesta – + 48.9
  5. Kris Meeke – Peugeot 207 – + 51.7
  6. Bernardo Sousa – Ford Fiesta – + 2:23.6
  7. Ricardo Moura – Mitsubishi Lancer EVO IX – + 3:38.6
  8. Pedro Vale – Mitsubishi Lancer EVO VII – + 6:55.9
  9. Sergio Silva – Subaru Impreza STi – + 7:08.8
  10. Pedro Peres – Mitsubishi Lancer EVO IX – + 7:38.6 (1:10 di penalità)

Gabriele Sbrana


Stop&Go Communcation

Bruno Magalhaes non vuole farsi sfuggire la possibilità di trionfare nella competizione di casa, e lo ha dimostrato durante la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/MAGALHAES_3621.jpg IRC – Azzorre – Day 2: Bruno Magalhaes incalzato dalle Skoda Fabia di Hanninen e Kopecky