Nonostante il maltempo (basti pensare che poco prima dell’arrivo finale sul percorso, oltre alla pioggia, si è abbattuta anche una grandinata), il 23° Baja Rally Puglia & Lucania, che si è corso a Melfi (Potenza) questo fine settimana (sabato 8 e domenica 9 ottobre), si è chiuso laureando ben quattro nuovi campioni italiani.

Lorenzo Codecà e Bruno Fedullo, con la loro Suzuki Nuova Grand Vitara 3.6 ufficiale, hanno infatti conquistato il titolo italiano Cross Country Rally (quinta volta per il pilota, prima per il navigatore), mentre Elvis Borsoi e Roberto Briani, su Mitsubishi Pajero 3.2 TD, si sono aggiudicati il titolo del gruppo TH.

La gara è stata vinta dall’equipaggio del Poillucci Team di Roma composto da Claudio Petrucci e Paolo Manfredini, che con la loro Suzuki Nuova Grand Vitara 1.9 TD hanno chiuso “alla grande” una stagione in cui hanno centrato tutti gli obbiettivi che si erano posti: primi nel Trofeo del Mediterraneo, primi nel Suzuki Challenge e primi del gruppo T2 (vetture di serie) a livello nazionale. Non è però da dimenticare il secondo posto assoluto nel Campionato Italiano Cross Country Rally, ottenuto davanti a vetture di ben altra potenza.

A Melfi hanno giocato benissimo le proprie carte, vincendo la gara nella speranza… che qualcosa fermasse i “colleghi” Codecà-Fedullo, così da soffiare loro, all’ultimo, il primo posto in campionato. Così non è stato: i nuovi campioni d’Italia, infatti, pur correndo con l’unico obbiettivo di arrivare, hanno non solo concluso la gara ma chiuso al secondo posto assoluto, primi nella classifica dei gruppi T1 (vetture preparate).

Il terzo posto della classifica di gara è andato agli ottimi Massimo Mancusi e Roberto Musi, anche loro in gara con una Suzuki Grand Vitara 1.9 TD; va ricordato che sono stati re-integrati a fine gara in questa posizione, dopo averla persa per essersi fermati per aiutare un motociclista, malamente caduto in prova.

Questa decisione della direzione di gara ha fatto retrocedere al quarto posto assoluto i “debuttanti” Claudio Marenco e Federico Verna, in gara con un sorprendente Polaris Ranger RZR 900, mezzo con cui hanno vinto il gruppo T3.

La gara dei TH, invece, è stata vinta dai sempre bravi Alberto Spinetti e Lara Giusti, al via con un Mitsubishi Pajero 3.5 V6. A loro è andata anche la vittoria nella classe TH-3 (vetture oltre 2000 cc.), mentre i secondi (e neo campioni italiani) Borsoi-Briani si sono aggiudicati la TH-4 (veicoli diesel). Al terzo posto Samuele Lelli e Michele Pontini, che con la loro Suzuki Grand Vitara 2.0 si sono aggiudicati la classe TH-2 (vetture fino a 2000 litri). La TH-0 (vetture fino a 1.300 cc.) è stata invece vinta da Denis Bevilacqua e Luigi Calligaris, settimi assoluti al termine con il loro piccolo Suzuki Jimny 1.3.

All’arrivo, come pure alla partenza hanno presenziato il presidente dell’Automobile Club di Potenza, Francesco Solimena, che ha annunciato il ritorno, per il prossimo anno, alla tradizionale collocazione pre-ferie della gara. “Così riusciremo, anche grazie all’abbinamento con le gare del campionato rally su terra, ad avere nuovamente un parco partenti di assoluto rilievo”. Presente anche il vicesindaco di Melfi, Rinaldo Di Ciommo, che ha ringraziato tutti i partecipanti “per aver nuovamente portato a Melfi una così significativa manifestazione”. A Di Ciommo è andato anche, per il tramite di Walter Oliva, il ringraziamento di tutta l’organizzazione, per la disponibilità e il supporto logistico sempre prestato.


Stop&Go Communcation

Nonostante il maltempo (basti pensare che poco prima dell’arrivo finale sul percorso, oltre alla pioggia, si è abbattuta anche una […]

Il Baja Rally Puglia & Lucania laurea Codecà-Fedullo campioni Cross Country