Sta per accendere i motori, il 1. Rally Ronde del Monteregio. La gara, organizzata dal Comitato Organizzatore Trofeo Maremma, sta terminando il classico conto alla rovescia, andrà in scena infatti il 30 aprile-01 maggio, con la propria storia che ripartirà dalla prima edizione, rimanendo comunque legata a Follonica ed al suo territorio.
 
Con la conferenza stampa svoltasi ieri mattina nella location che poi ospiterà il rally il prossimo fine settimana, vale a dire l’Ippodromo dei Pini di Follonica, l’evento è entrato dunque nel vivo, confortato da un forte interesse mediatico. Visto che cambia in un certo modo “pelle”. Cambia il format. Non sarà più un rally “classico” come accaduto sino a due anni fa,  ma una “Ronde”, quindi caratterizzata da una sola Prova Speciale da correre quattro volte con lo scarto del peggiore risultato. Potranno dunque correre le vetture World Rally Car, quelle che sino al 2010 sono state le regine del mondiale rally.
 
Nuovi stimoli, dunque, per l’automobilismo locale, con questo evento che vuole essere identificato come veicolo per l’attività turistica, associata al “turismo emozionale” caratteristico dell’evento in se stesso, quindi del vedere nei luoghi della gara tanti appassionati di automobilismo, che potranno legare i momenti di svago e di sport alla conoscenza del territorio, grazie alle profonde ed autentiche  suggestioni che solo in Maremma si riescono a percepire e toccare con mano.
 
LA STORIA RICOMINCIA CON 82 ISCRITTI
L’elenco iscritti, compilato nel tardo pomeriggio di ieri, ha chiuso la pratica con ottantadue equipaggi che hanno aderito alla chiamata dell’organizzatore. Considerando l’affollato calendario toscano e nazionale, considerando anche la crisi economica che non aiuta certamente, si può parlare di bilancio estremamente positivo. Da adesso la parola passerà proprio a loro, agli attori di questo spettacolo che si annuncia avvincente. Per il successo assoluto, il pronostico pare subito portarsi verso un valido driver locale, David Mochi, al via con la peugeot 206 WRC, stessa vettura che lo scorso novembre lo portò a vincere il suo primo alloro assoluto in carriera a Pomarance (Pisa) , in una gara della stessa tipologia. A contendergli lo scettro ci saranno diversi validi piloti, a partire dal lucchese Gabriele Lucchesi, alla sua seconda esperienza assoluta con La Peugeot 207 S2000, la vettura con la quale partecipa al Campionato IRCup.  Anche il livornese Fabrizio Cappelli, con la Peugeot 206 WRC pure lui, cercherà di inserirsi nella lotta di vertice, cosa che sicuramente vorrà fare un altro celebre locale, Alessio Santini, con una Renault Clio S1600.  da seguire il confronto del gruppo R, con tre piloti che caratterizzeranno i duelli di categoria ma soprattutto che possono arrivare all’attico della classifica. Si parla del pistoiese Gabriele Tognozzi, dell’elbano Emanuele Mannoni e del lucchese Andrea Simonetti. Tutti avranno tra le mani il volante di una Renault New Clio Sport R3: Tognozzi, che conosce bene la vettura “due litri” francese, sarà in gara test dopo il ritiro patito al Rally Valli Piacentine di inizio mese, Mannoni non conosce la vettura ma è reduce da due vittorie assolute (con vetture WRC) entrambe all’Isola d’Elba (la sua terra) ad ottobre scorso ed a marzo 2011, Simonetti conosce bene la vettura pure lui ed è in grado di dare assalti decisi. Adami, Di Buduo e Volpi sono pure loro in grado di fornire prestazioni di alto livello (anche loro con la New Clio Sport R3) ed è da seguire con attenzione anche lo spezzino Claudio Arzà, che sarà in gara con una Peugeot 207 R3T, dotata di motore 1600 cc. turbocompresso. Per un posto al sole nell’assoluta si prenota poi l’esperto lucchese Mauro Lenci, al via con una datata ma efficace Peugeot 306 Rally gruppo A, mentre nel Gruppo N, le vetture derivate dalla serie, ci sarà da dare un occhio particolare alle performance che offriranno le Renault Clio RS da 2000 cc. Nello specifico attenzione alle prestazioni del livornese Massimiliano Restano e del fiorentino Leonardo Santoni, oltre che di Fabio Scarpellini.
 
UNA NUOVA PERMANENCE: L’IPPODROMO DEI PINI DI FOLLONICA
Da sempre pronti a carpire il minimo segnale di beneficio per lo sport, gli uomini dello staff organizzativo, per il ritorno “del Monteregio”, gara dal nome certamente nobile, che indica una celebre etichetta vinicola, hanno individuato  per essa una nuova location, certamente in grado di dare un forte impulso di immagine  ed allo stesso tempo di far lavorare al meglio le squadre che saranno impegnate nel confronto sportivo.
 
Il 1. Rally Ronde del Monteregio avrà il suo cuore pulsante  presso le esclusive strutture dell’Ippodromo dei Pini di Follonica (www.ippodromodeipini.it), nella cui area sarà organizzata la “permanence” del rally. La struttura si trova lungo una strada regionale (SR 439), alle porte di Follonica, risultando quindi molto comoda da raggiungere uscendo dall’Aurelia (SS1), dotata di ampio parcheggio, bar, ristorante, spazi per i bambini, club house oltre ad un’ampia foresteria.
 
Direzione Gara, Segreteria e Sala Stampa troveranno posto nelle ampie strutture di questo vero e proprio tempio dell’Ippica assai conosciuto a livello internazionale, tra l’altro di recente  ristrutturazione. Non solo: vi verranno anche organizzate le operazioni di verifica sportiva e tecnica oltre che la partenza e l’arrivo ed i tre riordinamenti che faranno da intervallo alle sfide. Quindi, uno dei luoghi di eccellenza per i purosangue a quattro zampe, per una volta incontrerà altri cavalli, quelli dei motori da corsa, in una stretta relazione destinata a conferire alta qualità sia al rally stesso che all’immagine dell’intero territorio.
 
ARRIVA LA “PIESSE” ESIMUGA
Sarà di  notevole impatto anche la parte sportiva, vale a dire la Prova Speciale prevista. Ha un nome di fantasia, “Esimuga”, sotto il cui velo si cela comunque uno dei toponimi da rally più conosciuti d’Italia, la Prova Speciale di “Capanne”, uno dei luoghi storici dei rallies in Maremma. Quasi undici chilometri molto tecnici, che mettono a dura prova il cuore e la mente del pilota e certamente anche l’affiatamento dell’equipaggio. Un nastro di asfalto caratterizzato da carreggiata ampia, che presenta continui cambi di fondo che, uniti alla caratteristica di prova medio-veloce, la rendono decisamente ostica. Ma anche esaltante da affrontare.
 
UN CONTROLLO A TIMBRO . . .  GASTRONOMICO
Dopo ognuna delle quattro sfide con il cronometro, i concorrenti dovranno transitare in Località “La Pesta”, presso il Ristorante “La Cingallina”, per un controllo a timbro. Non sarà fine a stesso, il controllo di passaggio,  ma sarà un vero e proprio buffet rallistico. Grazie ad un tempo “di settore”  molto ampio, gli equipaggi partecipanti al rally potranno fermarsi per  vedersi offrire un buffet dal ristorante stesso, il meritato premio per i duelli accesi che si vivranno sulla “Piesse” per ognuna delle quattro occasioni previste
 
IL PROGRAMMA DI GARA
Sabato 30 aprile,
il programma della giornata sarà intenso, come consuetudine per le gare della tipologia “Ronde”, ideate per il contenimento dei costi e delle difficoltà logistiche a tutto tondo sia per piloti, per gli organizzatori che pure per i residenti ove le gare si svolgono. Dalle ore 09,00 alle 13,00 sono previste le operazioni di verifica amministrativa e tecnica mentre dalle 12,00 alle 17,00  avranno luogo le ricognizioni del percorso di gara, con vetture di serie e sotto stretta sorveglianza di Ufficiali di Gara e Forze dell’Ordine.
 
Un’altra particolarità del 1. Rally Ronde Monteregio, senza dubbio un valore aggiunto al momento sportivo e sicuramente apprezzato da chi corre, è il fatto che i concorrenti potranno effettuare il test con le vetture da gara in un percorso appositamente allestito, previsto a Scarlino, dalle 10,00 alle 15,00.
 
La sfida con il cronometro sarà concentrata tutta nella giornata di domenica 01 maggio, con partenza alle ore 08,01 per arrivare allo sventolare della bandiera a scacchi alle ore 18,45. Quattro i “Service Area” previsti tutti nella Zona Artigianale di Follonica, tre invece, come già accennato, i riordinamenti. La lunghezza totale del percorso è di 223,700 Km. dei quali 42,800 di distanza competitiva, il 20% dell’intera gara. Il Comitato Organizzatore tiene ad evidenziare che il percorso di gara sarà costantemente monitorato da personale addetto congiuntamente con le Forze dell’Ordine, al fine di evitare ricognizioni abusive che possano creare difficoltà ai luoghi attraversati dal rally oltre che disonorare il confronto sportivo sul campo. Ogni segnalazione verrà presa in considerazione per le opportune verifiche ed eventuali sanzioni del caso secondo la regola Federale in materia.
 
LA CHIUSURA DELLA STRADA
E’ doveroso segnalare gli orari di chiusura delle strade riguardanti il percorso di gara, nello specifico, il tratto della strada che interessa la Prova Speciale. Una sola è la Prova Speciale prevista per la gara, quindi quattro i passaggi che i concorrenti dovranno effettuare nella sola giornata di domenica 01 maggio.
 
Per il primo passaggio, la chiusura delle strada sarà alle ore 7,00 mentre  la PS 1 scatterà alle ore 08,52. La riapertura sarà alle ore 11,00, dopo il passaggio della “vettura scopa”.
 
Per il secondo passaggio, la chiusura delle strada sarà alle ore 11,30 mentre  la PS 2 scatterà alle ore 12,03. La riapertura sarà alle ore 14,00, dopo il passaggio della “vettura scopa”.
 
Per il terzo passaggio, la chiusura delle strada sarà alle ore 14,20 mentre  la PS 3 scatterà alle ore 15,03. La riapertura sarà alle ore 16,50, dopo il passaggio della “vettura scopa”.
 
Per il quarto passaggio, la chiusura delle strada sarà alle ore 17,00 mentre  la PS 4 scatterà alle ore 17,44. La riapertura sarà alle ore 19,30, dopo il passaggio della “vettura scopa”.


Stop&Go Communcation

Sta per accendere i motori, il 1. Rally Ronde del Monteregio. La gara, organizzata dal Comitato Organizzatore Trofeo Maremma, sta […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/TOGNOZZI.jpg Il 1° Rally Ronde di Monteregio pronto allo start con 82 iscritti