Vittoria delle prime tre prove speciali disputate e un vantaggio di 6”4 sul secondo in classifica, Jari Keetoma. Non avrebbe potuto esserci un avvio migliore per Craig Breen, che chiude al comando la prima giornata di gara al Rally di Lettonia, secondo appuntamento del campionato ERC targato Eurosport. Dopo aver realizzato il sesto tempo assoluto nelle qualifiche di stamane, nessuno poteva immaginare un tale dominio da parte del giovane talento della Peugeot, che ha scelto di transitare per quarto nelle prove speciali di oggi.

“Non ci posso credere! Questo rally è davvero fantastico, nonostante le condizioni siano molto difficili. Avevo in mente di partire forte per non dare vantaggio ai miei avversari, ma non mi aspettavo di vincere le prime tre speciali”, ha dichiarato il nordirlandese, che corre con la 207 S2000 e ha un nuovo navigatore, David Moynihan.

Scelta non condivisa dal diretto rivale per la vittoria finale, il finnico Keetoma, che ha scelto di partire per primo avvantaggiandosi del fatto che, in quanto vincitore delle qualifiche, poteva scegliere l’ordine di partenza senza essere influenzato dai suoi avversari. Keetoma, al debutto con la Ford Fiesta RRC gommata DMack, si è classificato secondo nella prima speciale, mentre nei restanti tratti cronometrati si è dovuto difendere dagli attacchi di Lukyanuk (Mitsubishi) e Delecour (Peugeot).

Ed è proprio il francese a insidiare il finnico per il secondo posto finale, visto che il suo svantaggio è di soli 6”. La corsa sarà ancora molto lunga per tutti gli equipaggi, viste le condizioni atmosferiche pessime e il fondo stradale innevato in tutte le speciali. Alle spalle del trio di testa, che è racchiuso in 12”, c’è il vuoto. Il pilota locale Lukyanuk (Mitsubishi) ha già tre 30″ di ritardo, così come il quinto in classifica, Svedas (Mitsubishi) è prossimo al minuto. Plangi (Mitsubishi), Kisiels (Mini), Pushkar (Mitsubishi), Egle (Mitsubishi) e Cerny (Skoda) chiudono la top ten.

Tra le sorprese della giornata va menzionato il francesino Lefevre, 15° assoluto con una nuovissima Peugeot 208 R2, e l’austriaco Dazinger, 17° con la Renault Clio R3. L’italo-rumeno Marco Tempestini è 24° con la Subaru Impreza R4, suo fratello Simone è 34° con una vettura gemella, mentre l’aostano Elwis Chentre è 30° con una Skoda Fabia R2.

Domani mattina alle 9.20 (8.20 ora italiana) partirà la seconda tappa, che prevede sei prove speciali da disputare tra mattina e pomeriggio.

Classifica (Top 10)

01. Breen/Moynihan – Peugeot 207 S2000 – 22:15.4
02. Ketomaa/Lindström – Ford Fiesta S2000 – +06.4
03. Delecour /Savignoni – Peugeot 207 S2000 – +12.1
04. Lukyanuk/Arnautov – Mitsubishi Lancer Evo X – +0:32.7
05. Svedas/Sakalauskas – Mitsubishi Lancer Evo X – +0:50.8
06. Plangi/Sarapuu – Mitsubishi Lancer Evo X R4 – +0:59.4
07. Kisiels/Ronis – Mini John Cooper Works S2000 – +1:01.0
08. Pushkar/Mishyn – Mitsubishi Lancer Evo X R4 – +1:02.7
09. Egle/Dauga – Mitsubishi Lancer Evo X – +1:07.8
10. Cerny/Kohout – Skoda Fabia S2000 – +1:26.7

Luca Piana


Stop&Go Communcation

Vittoria delle prime tre prove speciali disputate e un vantaggio di 6”4 sul secondo in classifica, Jari Keetoma. Non avrebbe […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/02/rally-010213-04.jpg ERC – Lettonia, Day 1: Breen va in fuga, in scia Keetoma e Delecour