Il pilota ufficiale di Volkswagen Motorsport nei Rally-Raid, Giniel De Villiers, sottolinea l’importanza di una forma fisica ottimale da possedere alla Dakar, in modo da far fronte agli ingenti impegni, alla stanchezza di ore intere passate alla guida della propria autovettura ed al caldo.

“L’aspetto più fondamentale è essere fisicamente in forma”, ha dichiarato il pilota sudafricano. “Prima di intraprende la Dakar, faccio molto sport. Se si è in ottime condizioni fisiche, si è avvantaggiati pure mentalmente. Fortunatamente posso allenarmi in Sud Africa, dove le temperatura sono simili a quelle sperimentate alla Dakar. Questo è un elemento veramente importante”.

Giniel De Villiers, vincitore dell’edizione 2009 della competizione sudamericana alla guida della Volkswagen Touareg #305, concede qualche dritta anche per quanto riguarda l’attraversamento delle maestose dune e su come comportarci in presenza di tali ‘onde sabbiose’: “La più grande difficoltà delle ‘dune bianche’ riguarda la loro incredibile morbidezza, dovuta anche al pressante caldo. Talvolta è complicato raggiungere la cresta della duna, poiché la sabbia sembra sciolta. Si deve considerare perfettamente dove si desidera attraversa la duna. In tali condizioni, non solo la vettura deve essere al massimo delle prestazioni, ma anche l’equipaggio”.

Quest’anno i concorrenti affronteranno il deserto dell’Atacama, la più arida distesa di sabbia al mondo, e le dune intorno a Copiapo, città situata a nord del Cile e capitale dello stato di Atacama. I partecipanti al Rally-Raid incontreranno distese sabbiose pure nei pressi di Iquique, ovvero durante la quinta tappa, nella sesta prova da Iquique ad Arica ed in quella seguente fra Arica ed Antofagasta.

Gabriele Sbrana


Stop&Go Communcation

Il pilota ufficiale di Volkswagen Motorsport nei Rally-Raid, Giniel De Villiers, sottolinea l’importanza di una forma fisica ottimale da possedere […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/vw-100818-1247_ml.jpg Dakar – Giniel De Villiers medita sulla prossima edizione della gara sudamericana: “L’aspetto più importante è la forma fisica”