Team EIL ST Macchine, come già annunciato in precedenza, si è presentata al via di questa nuova sfida, con la consolidata coppia formata da Rudy Michelini e Michele Perna, a bordo della Peugeot 207 S2000 di Erreffe Rally Team, gommata Pirelli, per i colori della scuderia Movisport. In un fine settimana caratterizzato da condizioni meteo primaverili, i concorrenti del CIR si sono sfidati sulle belle e selettive strade della Garfagnana, dando vita a battaglie entusiasmanti sul filo dei secondi: Rudy Michelini e Michele Perna, cercando di ricavare il massimo delle prestazioni dalla loro 2 litri francese, si sono posti da subito nella top five assoluta, facendo registrare scratch nelle singole prove in linea con i migliori protagonisti della gara.
 
La prima giornata di gara, conclusa al quinto posto a soli 15″.5 dal podio, è stata la riprova dell’ottimo ritmo tenuto in gara dall’equipaggio lucchese, che chilometro dopo chilometro, ha cercato di individuare quali fossero le soluzioni di set up che potessero permettere di incrementare le prestazioni e la classifica assoluta, che li ha visti posizionarsi alle spalle del campione italiano in carica Paolo Andreucci e del friulano Luca Rossetti, in piena lotta con i veneti Scandola, Cunico ed il valdostano Chentre, per la terza piazza.
 
Al via della seconda tappa, Michelini-Perna, partiti con le giuste motivazioni per attaccare gli avversari, si sono resi conto del mal funzionamento del freno a mano sulla propria vettura e nel corso della prima breve prova speciale, ricavata sulle strade della tenuta del Ciocco, sono incappati in una leggera toccata con la ruota posteriore destra, urtando leggermente contro uno dei tanti muretti che caratterizzano queste strade. La triste conseguenza è stata alzare bandiera bianca anzi tempo per la rottura di un braccetto.

Rudy Michelini: “E’ logico che siamo tutti molto delusi” racconta Michelini, “iniziare il campionato con il piede giusto ed un buon risultato era importante e dai tempi ottenuti nella prima tappa potevamo ambire ad un risultato importante… Purtroppo anche le delusioni come queste fanno parte del gioco e bisogna accertarle. Nella prima tappa abbiamo lavorato alla ricerca del miglior set up, in alcune prove siamo andati bene, in altre meno, durante l’ultima prova di giornata ci siamo resi conto di aver intrapreso la strada migliore per poter ricavare il massimo dalla vettura, grazie anche al supporto di Pirelli che ci ha messo a disposizione pneumatici molto prestazionali: questi sicuramente sono aspetti positivi che potranno tornarci utili già a partire dal prossimo appuntamento di Brescia.
 
Purtroppo al via della seconda tappa, ci siamo subito resi conto di avere un problema con il freno a mano, questo fattore sicuramente non ha giovato sulla nostra sicurezza, dovendo di lì a breve affrontare la prova all’interno del Ciocco, caratterizzata da molte curve dove il freno a mano risulta essere essenziale: proprio nell’affrontare quella più stretta, siamo andati a sbattere con la ruota posteriore destra contro un piccolo muretto alto appena 10 centimetri, che però si è rivelato fatale per il nostro ritiro, in quanto nell’impatto si è rotto il braccetto di sostegno, compromettendo di conseguenza la guidabilità della vettura.

Adesso non rimane che analizzare i dati di quanto fatto fino al momento del ritiro per poterci presentare nel prossimo appuntamento del Mille Miglia di Brescia più competitivi e determinati, abbiamo visto che possiamo dire la nostra per le posizioni alte della classifica, per continuare su questa strada dobbiamo proseguire lavorando con impegno ancora maggiore, così facendo sono sicuro che le soddisfazioni arriveranno anche per noi”.


Stop&Go Communcation

Team EIL ST Macchine, come già annunciato in precedenza, si è presentata al via di questa nuova sfida, con la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/500ciocco.jpg CIR – Rudy Michelini commenta il suo amaro ritiro al Ciocco