Si apre domani il Campionato Italiano Rally 2011 con la partenza del 34° Rally del Ciocco e Valle del Serchio prevista per le 18:40. La gara e la serie tricolore prendono il via dal piccolo paese di Barga, uno dei centri più caratteristici della Garfagnana. Ma per la serie tricolore quella 2011 non sarà una stagione qualsiasi; il Campionato Italiano Rally festeggia infatti i 50 anni di vita, tanti infatti ne sono passati dal 1961, anno in cui il primo titolo tricolore andò a Luigi Marsaglia, al volante di una Fiat. In questi 50 anni il campionato ha consolidato le sue caratteristiche che ne fanno, ormai da anni, la serie nazionale più competitiva e spettacolare a livello mondiale.

Il 34° Rally Il Ciocco e Valle del Serchio prenderà il via domani giovedì 24 marzo alle ore 18.40, con la cerimonia di partenza nel centro della cittadina di Barga, mentre le ostilità sportive inizieranno venerdì 25 alle ore 8.01, con arrivo della Tappa 1 al Ciocco alle ore 19.00. 6 Prove Speciali 85 km + 224 km di trasferimento = 309 km totali. Sabato 26 marzo prenderà il via Tappa 2, sempre dal Ciocco. 7 Prove Speciali 65,36 km + 184 km di trasferimento = 250 km totali. La conclusione della gara è alle ore 17.30 a Castelnuovo Garfagnana. Sono 74 gli equipaggi che hanno dato la loro adesione alla corsa.

I protagonisti

I favori del pronostico, sia in gara che in campionato, vanno a due equipaggi, quello formato dal toscano Paolo Andreucci e dalla friulana Anna Andreussi, in gara con una Peugeot 207 Super 2000 ufficialmente seguita dalla filiale italiana della casa francese, e quello formato dal pilota ufficiale Abarth il friulano Luca Rossetti, che ha scelto per la messa a punto della propria Abarth Grande Punto il team Trico, e da Matteo Chiarcossi.

Dietro ai due a fare da ago della bilancia ma anche ad inserirsi nella lotta scudetto ci sono poi il veneto Gianfranco Cunico, con Rudy Pollet, su una Peugeot 207 Super 2000 della Island Motorsport, l’altro veneto Umberto Scandola, con Guido d’Amore, su una Ford Fiesta Super 2000 della Car Racing, l’aostano Elwis Chentre, con una Peugeot 207 Super 2000 del’Autosport Valle d’Aosta, in coppia Angelo Carlo Canova, e soprattutto il bergamasco Alessandro Perico, atteso ad una grande stagione con la Peugeot 207 del suo team il PA Racing. Tutte da scoprire invece le potenzialità del toscano Rudy Michelini, in coppia con Michel Perna una Peugeot 207 Super 2000, che ha alle sue spalle un anno di Cir a buon livello, e quelle del ligure Alessio Pisi, al volante di una Peugeot 207 Super 2000 della Zerosette Racig, giovane ligure al debutto nel Cir mostratosi molto veloce nel Trofeo Rally Asfalto.

Nel Campionato Produzione i favori del pronostico vanno equamente divisi tra le Mitsubishi dei campaini Maurizio Angrisani e Fabio Gianfico, del romano Massimiliamo Rendina e la Renault Megane RS N4 del piemontese Daniele Griotti. Un’annata straordinaria si preannuncia invece nel Campionato Italiano Rally Jiunior vera e propria fucina di talenti . Il duello sarà tra la Renault presente fin dal Ciocco, occhi puntati sulle Clio Rt3 il siciliano Andrea Nucita e di Andrea Carella, messisi in luce lo scorso anno, ma anche su quelle il peimontese Alessandro Bosca e dell’esperto Marco Signor, e la Citroen che schiererà il suo team ufficiale a partire dal 1000 Miglia con due giovani piloti di assolto valore come il lombaro Andrea Crugnola e il romagnolo Simone Campedelli.

I numeri di un successo

I venti di crisi che stanno sconvolgendo il mercato mondiale dell’auto, hanno soffiato impetuosi anche sul mondo delle competizioni ma, nonostante questo, il livello dei piloti e delle vetture partecipanti al Cir si è rivelato ancora una volta di primo ordine. Dopo lunghe e tumultuose trattative che si sono chiuse spesso proprio nella settimana precedente il Rally del Ciocco, il parco partenti del tricolore 2011 ci preannuncia un campionato interessante. Iniziamo dai numeri; sono 28 i piloti iscritti alla Campionato Italiano Assoluto, 8 quelli al Campionato Italiano Produzione, e 7 quelli al Campionato Rally Junior.

3 i principali indiziati per la vittoria del titolo Costruttori, Abarth, Ford, e Peugeot quest’ultima in gara in forma ufficiale. Altri 2 costruttori Citroen e Renault hanno invece sposato la causa delle giovani promesse e saranno protagoniste indiscusse del Campionato Italiano Rally Junior, mentre Mitsubishi, in corsa con la Lancer nella sua evoluzione più aggiornata, contro Renault, in gara con la nuova Renault Megane RS N4, sarà il leit motiv del Campionato Italiano Produzione.

Tra le curiosità, anche se fuori gara per quanto riguarda l’italiano, c’è anche il debutto della Mini John Cooper Works, una vettura della categoria Super 2000 mossa dal un motore 1600 turbo che è stata affidata al Campione Italiano Produzione 2010 Andrea Perego. Un ultimo dato infine in gara al Ciocco ci saranno ben 74 equipaggi, numero mai raggiunto negli ultimi 8 anni della gara.


Stop&Go Communcation

Si apre domani il Campionato Italiano Rally 2011 con la partenza del 34° Rally del Ciocco e Valle del Serchio […]

CIR – Ciocco, Preview: Scatta la 50esima edizione della serie tricolore