L’equipaggio ufficiale di Skoda Italia composto da Umberto Scandola e Guido d’Amore, con una Fabia S2000, ha vinto oggi il 20° Rally dell’Adriatico, terzo impegno stagionale del Campionato Italiano Rally e secondo del Trofeo Rally Terra.

La gara, partita ieri sera da Osimo con la prova spettacolo, è proseguita da stamani con il confronto serrato tra il veronese e Renato Travaglia, al via con una Mitsubishi Lancer R4 privata.

Dopo l’incidente occorso a Giandomenico Basso (PS5) ed i successivi problemi palesati al cambio dalla vettura di Travaglia, Scandola, proseguendo la propria marcia esente da problemi ed errori, è andato ad aggiudicarsi la gara con ampio merito, terzo vincitore in tre gare del tricolore, dopo Basso al Ciocco e Perico al 1000 Miglia. Paradossalmente, Scandola, ha vinto aggiudicandosi il parziale di una sola “piesse”, quella su asfalto di ieri sera.

Dietro Scandola, complici i problemi al cambio di Travaglia ha concluso il veneto Mauro Trentin (Peugeot 207 S2000), che nella prima parte di corsa è stato condizionato da problemi ai freni oltre che da qualche errore. Problemi cui ha saputo ovviare con lucidità, battagliando con vigore contro il giovane bresciano Stefano Albertini (Peugeot 207 S2000), con il quale ha scatenata la bagarre. Ad onor del vero, sino alla settima prova Travaglia era riuscito a tenere in mano il posto d’onore ed anche ad insidiare il vincitore, poi  è stato sopravanzato dalla concorrenza ed il finale è stato decisamente incandescente.

Ai piedi del podio, in quarta posizione, ha chiuso appunto Travaglia, cui va la soddisfazione di prendere punteggio pieno per gli iscritti al Trofeo Rally Terra, davanti al bresciano Luigi Ricci (Subaru Impreza STi), come al solito molto vivace nonostante un costante problema all’impianto frenante. Dietro a lui, si sono apprezzate le notevoli performance del 18enne sudafricano Henk Lategan, al debutto sulla terra italiana ed anche con la Skoda Fabia S2000: è finito sesto, ma ha occupato la quinta piazza sino a metà gara davanti a diversi “nomi” del panorama nazionale, prima di cedere il passo per un errore nella settima prova. Il settimo posto è stato per il biellese Max Tonso (Ford Fiesta S2000), alla sua prima volta sugli sterrati marchigiani, ottavo e nono sono rispettivamente il francese Chardonnet ed il romagnolo Campedelli (entrambi con la Citroen DS3 R3) e decimo ha chiuso il sammarinese Tommasini (Mitsubishi Lancer Evo IX).

I Trofei monomarca sono stati appannaggio di Sebastien Chardonnet (Citroen Racing Trophy), del sammarinese Paolo Diana (Trofeo Renault Clio R3 “Produzione”) e del varesino Andrea Crugnola (Renault Twingo R2 “Top”).

Tanti i ritiri. Da quello del sino ad oggi leader della graduatoria generale Alessandro Perico  (Peugeot 207 S2000) per una “toccata” durante la PS3, diversi altri abbandoni “eccellenti” hanno caratterizzato la gara: nell’ordine, il senese Valter Pierangioli ha chiuso la partita dopo la PS 2 per una “toccata” sulle chicane di rallentamento, il giovane Niccolò Marchioro (Renault Clio R3) ha gettato la spugna per problemi ai freni, il toscano Rudy Michelini (idem) è stato fermato dalla rottura del motore, il napoletano Fabio Gianfico (Mitsubishi Lancer Evo IX R4) dalla trasmissione, Giacomo Cunial (Citroen C2) pure lui per una “toccata”.

Fermo dopo una sola prova odierna anche Giovanni Manfrinato (Mitsubishi Lancer Evo IX gr. N) per problemi al cambio (nel trasferimento per raggiungere la PS3) mentre il romano Max Rendina (Mitsubishi Lancer Evolution gr. N) non è ripartito stamani per le difficoltà di assetto riscontrate ieri sera. La serie nera è proseguita anche con il il trevigiano Giandomenico Basso, terzo sino alla quarta prova e poi fermo per incidente sulla successiva, con il reggiano Ivan Ferrarotti (Renault Clio) e con Alessandro Bosca (Renault Clio R3), stoppati pure loro da un incidente.

Classifica (Top 10)

01. Scandola/D’Amore – Skoda Fabia S2000 – 1:22:49.8
02. Trentin/De Marco – Peugeot 207 S2000 – +16.4
03. Albertini/ Scattolin – Peugeot 207 S2000 – +21.1
04. Travaglia/Ciucci – Mitsubishi Lancer Evo IX R4 – +33.7
05. Ricci/Pfister – Subaru Impreza Sti – +57.5
06. Lategan/White – Skoda Fabia S2000 – +2:00.8
07. Tonso/Stefanelli – Ford Fiesta S2000 – +2:59.3
08. Chardonnet/ De La Haye – Citroen DS3 R3 – +3:20.3
09. Campedelli/Fappani – Citroen DS3 R3 – +4:08.6
10. Tomassini/Bizzocchi – Mitsubishi Lancer Evo IX R4 – +4:58.3


Stop&Go Communcation

L’equipaggio ufficiale di Skoda Italia composto da Umberto Scandola e Guido d’Amore, con una Fabia S2000, ha vinto oggi il 20° Rally dell’Adriatico.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/05/cir-adriatico-rally-scandola-180513-02.jpg CIR – Adriatico, Day 2: Prima vittoria stagionale per Scandola