Grazie all’inversione della griglia, Gara 2 della Superleague Formula a Zolder si è rivelata senza dubbio più movimentata e interessante rispetto alla manche disputata in mattinata. A trionfare questa volta è Julien Jousse, decimo vincitore diverso su 12 corse disputate in questa stagione: un risultato che la dice lunga sull’equilibrio che caratterizza il campionato, seppur in questa occasione il francese sia stato davvero dilagante, riuscendo a tagliare il traguardo con oltre 10″ di vantaggio nei confronti del suo principale inseguitore, Duncan Tappy.

L’alfiere della Roma si è portato al comando al 12° giro: in uscita dalla corsia box Jousse ha resistito in maniera spettacolare al rivale britannico (costretto poi a desistere nonostante fosse all’interno della traiettoria), che scattando dalla pole aveva guidato le operazioni nello stint iniziale. Da quel momento il driver transalpino ha imposto il suo ritmo involandosi in solitaria verso la bandiera a scacchi, che ha sancito il suo primo centro in Superleague. Per Jousse una bella iniezione di fiducia, dimostrando di aver risolto i problemi di set-up patiti fino a qui assieme al proprio team. In Gara 1, peraltro, aveva sofferto di noie al cambio.

Mentre un comunque bravo Tappy riporta il Flamengo sul podio, la top 3 è completata dall’altro francese rimasto nella categoria, Tristan Gommendy. Il portacolori del Galatasaray ha rischiato grosso quando ha cercato nelle prime fasi di superare Maria de Villota, beccandosi per tutta risposta una chiusura repentina che ha portato i rispettivi pneumatici al contatto.

Per fortuna non è successo niente, al di là del nervosismo di Gommendy. Ben diversa la scena vista al via. Nelle retrovie una toccata ha portato Marcos Martinez a perdere il controllo della propria monoposto, subendo il tamponamento di un incolpevole Craig Dolby. L’inglese è andato a picchiare contro il muretto di protezione, rimediando una botta al polso; lo spagnolo, scioccamente, non ha mollato presentandosi alla prima curva senza alettone posteriore. Martinez ha così urtato Robert Doornbos, addirittura capottatosi nella ghiaia, senza comunque alcuna conseguenza fisica.

Il ko di Dolby si è rivelato un’occasione d’oro per Yelmer Buurman, che con un 5° posto di spessore riesce a portare il Milan in cima alla classifica generale, dopo aver cercato fino all’ultimo metro di strappare il quarto posto a Max Wissel. Bene anche Andy Soucek, 6° al ritorno in Superleague, davanti a John Martin e a Chris van der Drift, vincitore di Gara 1. Alle sue spalle ancora Davide Rigon, 9°. Fra i ritirati ci sono pure Narain Karthikeyan e James Walker, usciti entrambi di pista. Peccato per Alvaro Parente, fermato da un guasto mentre era terzo ad appena 4 giri dalla conclusione.

In virtù dei punti accumulati nelle due manches, ad accedere in Super Finale sono, nell’ordine, van der Drift, Buurman, Rigon, Wissel, Jousse e Gommendy.

Classifica

01. Julien Jousse – Roma – 32 giri
02. Duncan Tappy – Flamengo – +10.461
03. Tristan Gommendy – Galatasaray – +12.809
04. Max Wissel – Basilea – +13.377
05. Yelmer Buurman – Milan – +13.614
06. Andy Soucek – Sporting Lisbona – +15.969
07. John Martin – Guoan Pechino – +22.939
08. Chris van der Drift – Olympiacos – +28.681
09. Davide Rigon – Anderlecht – +32.221
10. Jaap Van Lagen – Bordeaxu – +34.691
11. Maria de Villota – Atletico Madrid – a 1 giro

Ritirati

12. Alvaro Parente – Porto – 28 giri
13. James Walker – Liverpool – 20 giri
14. Narain Karthikeyan – PSV Eindhoven – 3 giri
15. Marcos Martinez – Siviglia – 1 giro
16. Robert Doornbos – Corinthians – 0 giri
17. Craig Dolby – Tottenham – 0 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Grazie all’inversione della griglia, Gara 2 della Superleague Formula a Zolder si è rivelata senza dubbio più movimentata e interessante […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/slfslf-180710-021.jpg Zolder – Gara 2: Il romanista Julien Jousse si aggiunge all’elenco dei vincitori. Dolby ko al via, Milan in testa al campionato