Una pista sempre più performante dopo le rare gocce d’acqua cadute nella giornata e la gomma lasciata dalle altre serie impegnate avrebbe dovuto rendere ancora più avvincente il confronto al vertice fra Porsche e Toyota.

Invece le due TS050 Hybrid hanno subito preso il largo, con i due driver giapponesi, Kazuki Nakajima e Kamui Kobayashi, a limare nelle prime battute dei 90’ a disposizione, oltre due secondi al miglior tempo della mattinata, lasciandosi dietro di oltre 2” gli equipaggi della 919 Hybrid campione del mondo.

Come stamani, alcune LM P2 hanno battuto sulla prestazione secca la ENSO CLM del ByKolles, ricordiamo unica LM P1 privata iscritta al campionato, terminata a oltre 7” dalla vetta.

Per cui in classifica dietro i quattro prototipi ibridi ci sono le due Oreca LM P2 di Alex Lynn – autore del miglior crono della categoria finora con 1.44.874 con la entry del G-Drive, e Nicolas Lapierre, a 2 decimi. Proprio del francese l’unica disavventura della prima giornata, fuori alla Luffield, senza comunque riportare particolari danni all’unica Alpine Signatech presente.

Non bastano le gomme Dunlop alle due Aston Martin per conquistare il primato in GT. Tra le Pro è infatti la Porsche 911 RSR di Kevin Estre a segnare la migliore prestazione con 1.57.765, circa 2 decimi meglio delle due Vantage. Solo P6 per la migliore delle Ferrari AF Corse con James Calado, dietro anche le due Ford, ma i veri valori si scopriranno solo in qualifica.

Le Dunlop aiutano invece la Porsche del Gulf Racing UK di Ben Barker a guadagnare la vetta della sessione tra le GTE-Am con 1.59.991, tempo comunque inferiore alla prestazione del mattino di Pedro Lamy e la Aston Martin.

Sabato la terza ed ultima ora di prove libere alle 9.40; le prime qualifiche della stagione invece alle 13.00.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Le Porsche rispondono alle Aston in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/04/Toy_Porsche-1024x682.jpg WEC – Silverstone, Libere 2: Toyota prende il largo