La presenza di un solo costruttore nella prossima “Super Season” 2018/2019 del World Endurance Championship ha indotto la FIA e l’ACO ad optare per la creazione di un titolo LM P1 da assegnare non più ai costruttori bensì alle squadre impegnate nella categoria.

Il punteggio, in attesa della ratifica del World Motor Sport Council del 6 dicembre prossimo, verrà assegnato alla vettura meglio piazzata del team. Nulla cambia invece per il titolo piloti.

E’ stato inoltre reso noto che nessun costruttore potrà presentare una propria LM P1 non ibrida, ancorchè sarà permesso – strizzando l’occhiolino all’IMSA – il rebranding di una vettura già costruita da un terzo privato. Nessuna limitazione invece alle forniture dei motori.

Il regolamento delle LM P1 non ibride dovrebbe essere inoltre confermato per almeno le prossime tre stagioni, così da rendere più stabile la categoria e favorire l’ingresso di eventuali nuove forze. Va da sé che ciò prevede implicitamente una riduzione della potenza delle attuali P1 ibride, allo scopo di mantenere competitività fra le due piattaforme tecnologiche.

Rivista anche l’attribuzione dei punti alla prossima 24 Ore di Le Mans. Il punteggio non sarà più raddoppiato rispetto ad un’altra 6 Ore WEC, bensì moltiplicato per 1,5; vale a dire che il miglior classificato di ogni categoria raccoglierà 37,5 punti al posto dei 50 attuali.

Metodo simile anche per la neonata 1.500 miglia di Sebring WEC in programma a marzo 2019, il cui coefficiente sarà invece di 1,25 (31,25 al vincitore, 22,5 al secondo e 18,75 al terzo)

Tutto è pronto intanto in Bahrain per l’ultimo atto della stagione 2017, con le prime libere alle 15 locali di domani, giovedì 16 novembre.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Punti ridotti a Le Mans e Sebring

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/11/sunset.jpg WEC – Nuovo titolo a squadre per la Super Season