Diffusa l’entry list della 6 ore di Silverstone, terzo round del World Endurance Championship 2018/2019. Per la tappa inglese, quest’anno posizionata fuori dalla tradizionale slot primaverile, saranno presenti 34 vetture contro le 37 di Spa.

Assente come previsto l’Oreca del G-Drive, dominatrice della tappa belga e di Le Mans tra le LM P2 (sulla quale ricordiamo pende ancora la squalifica per l’adattamento improprio dell’impianto di rifornimento) in quanto impegnata nel concomitante appuntamento dell’European Le Mans Series, dove continua ad essere leader in classifica.

Di poche ore fa invece il forfait delle due Ginetta LM P1, ancora una volta impossibilitate a partecipare dopo la presenza-assenza di Spa, questa volta non per motivi economici bensì burocratici. Si è appreso infatti che il team diretto da Graeme Lowdon aveva provveduto a cambiare motore, dopo aver giudicato insoddisfacenti le prestazioni del Mecachrome adottato in gara a Le Mans, adottando il V6 biturbo AER P60B che già spinge le due BR1 dell’SMP Racing. Purtroppo questa modifica, che avrebbe portato almeno una G60-LT-P1 in pista, non sarebbe stata comunicata in tempo utile alla commissione tecnica, che quindi non ha dato via libera alla partecipazione del prototipo inglese. Speriamo di vedere almeno una di queste macchine in azione nel prosieguo della “Super Season”.

Sempre in tema di massima categoria prototipi, va evidenziata la nuova equivalenza fra le Toyota ibride che hanno sbaragliato il campo a Le Mans e gli altri contender. Per i motori endotermici, il flusso di carburante passerà infatti dai 108 kg/h di Le Mans a 115kg/h, insieme ad una maggiore rapidità nelle operazioni di rifornimento durante i pit-stop.

Riduzione di peso inoltre per le tre vetture che utilizzano i motori Gibson aspirati, Rebellion e la BR1 del DragonSpeed, di ben 15 kg rispetto alle BR di SMP e alla Enso CLM del ByKolles, che dovrebbe portare in pista nuove modifiche aerodinamiche ad alto carico che verranno testate in settimana, per la precisione l’8 di agosto, in quel di Spa. In quell’occasione si alterneranno alla guida Renè Binder e la giovane promessa Enzo Guibbert, anche se solo l’austriaco risulta listato insieme al “fedelissimo” Oliver Webb. Vedremo se questi aggiustamenti all’EoT basteranno a creare una reale competizione fra le due TS050 Hybrid ed il resto del lotto, Rebellion ed SMP in testa.

Proprio in casa SMP infine, equipaggio a due sulla BR #17 con Matevos Isaakyan, impegnato in ELMS, che lascerà il volante ai soli Stèphane Sarrazin ed Egor Orudzhev.

Un paio di succose novità anche tra le LM P2, dove Anthony Davidson, come preannunciato nelle scorse settimane, affiancherà Pastor Maldonando e a Roberto Gonzalez sull’Oreca del DragonSpeed. Nicky de Vries invece completerà l’equipaggio tutto olandese della gialla Dallara del racing Team Nederland al posto di Jan Lammers. Debutto infine del giapponese Yoshiharu Mori sulla Ligier del Larbre Competition.

Last but not least, da segnalare il riallineamento (termine ormai comune per indicare un cambio sostanziale della line-up) in casa Aston Martin. Per il resto dell’anno saranno i soli Marco Sorensen e Nicki Thiim a difendere i colori della vittoriosa Vantage #95, così come nel vittorioso 2016, mentre il neoacquisto Maxime Martin ed Alex Lynn condivideranno l’abitacolo della #97.

Johnny Adam verrà girato al TF Sport in sostituzione di Euan Hankey, mentre il veterano Darren Turner, 14 stagioni con la casa di Banbury e tre Le Mans vinte, assumerà il ruolo di ambasciatore del marchio. L’inglese tornerà comunque al volante nella seconda parte della “Super-Season”, a partire dal nuovo anno. Nessun cambiamento infine sull’equipaggio campione in carica in GTE-Am composto da Paul dalla Lana, Mathias Lauda e Pedro Lamy.

Appuntamento in pista a Silverstone per le prime libere venerdì 17 agosto alle 12.15 locali.

Piero Lonardo

L’entry list della 6 Ore di Silverstone


Stop&Go Communcation

Il nuovo EoT avvantaggerà le LM P1 private? Equipaggi a due per le Aston Martin in GTE-Pro

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/08/PL50666-1024x683.jpg WEC – In 34 a Silverstone senza le Ginetta