Fernando Alonso ci riprova: dopo la buona prestazione alla Indy 500 lo scorso maggio, il bicampione del mondo di F1, fresco di rinnovo con la McLaren motorizzata Renault, si riaffaccia verso il motor sport americano e, dopo aver ricevuto il diniego del team al bis del “Greatest spectacle of racing”, si è rivolto verso il mondo dell’endurance.

Il patron McLaren Zak Brown, proprietario anche di United Autosport, che come noto la prossima stagione schiererà due Ligier LM P2 per tutta l’European Le Mans Series, ha da tempo messo gli occhi sulle classiche del motorsport USA, ad iniziare con la prossima edizione della Rolex 24.

Alonso condividerà l’abitacolo di una delle due vetture iscritte alla classica della Florida con le due giovani promesse britanniche già annunciate: Phil Hanson, campione dell’Asian Le Mans nella stagione uscente, già visto sia in ELMS che a Le Mans con il Tockwith Motorsport, e Lando Norris, neocampione dell’Euro F3, già appuntato quale tester McLaren F1.

La scorsa settimana è stata invece la volta di Paul di Resta, che dovrebbe dividere invece l’abitacolo con il “regular” Will Owen e con un terzo pilota da definire.

Restando nell’ambito del WeatherTech SportsCar Championship, da segnalare l’entrata ufficiale tra i ranghi delle Prototypes del BAR1 Motorsport.

Il team di Brian Alder, protagonista con le Oreca PC dal 2013, tornato alla vittoria all’ultima Petit Le Mans, per l’operazione ha scelto la Riley-Multimatic Mk.30 in specifica LM P2 con motore Gibson. Nello specifico, si tratta dell’esemplare schierato a Le Mans da Ben Keating, in attesa di ricevere il sospirato update “joker” dopo le non propriamente eccellenti prestazioni riscontrate alla classica della Sarthe.

Un secondo chassis potrebbe essere schierato nei quattro round della North American Endurance Cup; equipaggi in entrambi i casi ancora da definire.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Anche Paul di Resta con United Autosport. BAR1 con una Riley LM P2

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/10/Alonso.jpg USCC – Ufficiale, Fernando Alonso a Daytona!