Nel weekend ritorna il WeatherTech SportsCar Championship con la penultima prova del campionato al Mazda Raceway di Laguna Seca.

Dopo lo spettacolare round dedicato alle GT del VIR, ritornano di scena le Prototypes, a ben sette settimane dalla vittoria della Nissan DPi, che per l’occasione è stata rallentata dal Balance of Performance, con una riduzione della pressione del biturbo V6 agli alti regimi.

Per il prototipo realizzato da Onroak, anche 1 litro di riduzione del serbatoio e un aumento di 2 gradi dell’incidenza dell’ala posteriore. Modifiche anche alle Cadillac capolista, cui al contrario è stata concessa altrettanta diminuzione dell’incidenza dell’ala, insieme ad una riduzione del diametro bocchettone di 1 mm.

Dal punto di vista degli equipaggi, nessuna modifica rispetto a Road America, con Olivier Pla regolarmente presente nella line-up del PR1/Mathiasen nonostante la concomitanza dell’ELMS a Spa-Francorchamps.

I padroni di casa Mazda come noto non saranno della partita, ma i portavoce del Team Joest, che sta sviluppando per conto della casa nipponica, la nuova versione della DPi realizzata da Riley-Multimatic,   hanno reso noto di aver completato il primo shakedown a Honckenheim di una versione aggiornata della RT24-P nelle mani di Tristan Nunez e Jonathan Bomarito.

Nuovi test verranno svolti nelle prossime settimane in Germania, test che vedranno coinvolto anche l’ex-pilota Audi LM P1 Renè Rast, prima di proseguire il programma di rinnovamento nella nuova base statunitense del team di Atlanta. Ha frattanto mosso i primi passi negli States la nuova Acura ARX-05 DPi del Team Penske.

Tornando al Balance of Performance, diverse le variazioni alle equivalenze anche tra le GT. Avvantaggiata dopo le ultime prestazioni non del tutto convincenti, la nuova Porsche 911 RSR, che guadagna un restrittore d’aria più largo di 0,6 mm (x2) ed un bocchettone del rifornimento più largo di 0,5 mm, cui fa da contraltare una riduzione del serbatoio di 1 litro. Stessa modifica al bocchettone anche per le Corvette mentre quello delle BMW M6 GTLM viene ridotto di 1 mm. Nessuna modifica per Ford e Ferrari.

Ridotto il bocchettone anche nella versione GT3 delle M6 (-2,5 mm), il cui serbatoio viene ridotto di ben 6 litri; di addirittura 7 la capacità di quello delle Lexus RC F GT3, che però guadagnano un bocchettone più largo di 3 mm. Sempre tra le GTD, incrementati infine i diametri dei bocchettoni delle Audi (+1 mm) e delle Acura (+0,5). Le due NSX GT3 gestite dal Michael Shank Racing si presenteranno con nuove livree su base oro e nera lucida (nella foto).

Nessuna variazione fin qui annunciata fra gli equipaggi delle due categorie GT rispetto al VIR.

Ma la notizia che anima il paddock di Monterey è il cambio di fornitore ufficiale di pneumatici delle serie IMSA. Michelin infatti sostituirà a partire dal 2019 Continental nelle classi Prototype e GT Daytona; la scelta rimarrà invece libera per le GT Le Mans.

Sempre dal 2019 la serie cadetta GT, il Continental Tire SportsCar Challenge, che ospiterà le GT4 e le TCR, cambierà denominazione in IMSA Michelin SportsCar Challenge; anche la Prototype Challenge Presented by Mazda, che he recentemente introdotto negli States le LM P3, utilizzerà in prospettiva le Michelin.

Michelin sostituirà inoltre Tequila Patron quale title sponsor della North American Endurance Cup, il trofeo riservato alle quattro gare di durata.

Le ostilità in pista a Laguna Seca inizieranno venerdì 22 settembre alla 1.00 PM con le prime libere.

Piero Lonardo

L’entry list di Laguna Seca


Stop&Go Communcation

Michelin sostituisce Continental dal 2019

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/09/MSR.jpg USCC – Tornano i prototipi a Laguna Seca