Il Canadian Tire Motorsport Park, o più semplicemente Mosport, non è per niente una pista facile, e durante le prime libere del settimo round stagionale del WeatherTech SportsCar Championship ne hanno già fatto le spese un paio di vetture.

Tra tutti Helio Castroneves, inverosimilmente debuttante sul circuito canadese nonostante la lunga carriera, che ha sbattuto forte durante la seconda sessione sulle barriere a protezione della curva 5 con la Acura #7. Prima del brasiliano tre volte vincitore della Indy 500 era stata la volta di Kyle Masson, che ha perso il controllo della sua Oreca LM P2 all’uscita della prima curva.

Mentre i meccanici del team Penske lavoreranno per rendere nuovamente disponibile il prototipo per la giornata odierna, il team principal del Performance Tech, Brent O’Neill ha ufficialmente ritirato l’Oreca #38. Il crash di Masson segue quello, pure terminale, di domenica scorsa a Watkins Glen, e che ha comportato un duro extra-lavoro per essere al via in Canada.

Il conto dei prototipi scende quindi al minimo stagionale di 12, dopo il forfait della seconda Nissan DPi, mentre il numero globale dei partecipanti cala di una ulteriore unità a seguito del divorzio a sorpresa del SunEnergy1 Racing dal Riley Motorsports di Kenny Habul.

Riguardo la lista dei tempi, in evidenza come al Glen ancora l’Oreca del CORE Autosport, a dominare entrambe le sessioni con Colin Braun, autore del miglior tempo con 1.06.902. Subito dietro l’Acura di Dane Cameron, a soli 37 millesimi, seguita dal compagno di squadra Castroneves, a quasi 1”.

Piccoli progressi per la Cadillac di Filipe Albuquerque – che come previsto dividerà ancora l’abitacolo della vettura #5 con Christian Fittipaldi – P4 a 1”1 grazie alla terza miglior prestazione del mattino, seguito dalla Mazda di Harry Tincknell e Jonathan Bomarito.

Tra le GTLM sembra delinearsi un dominio Porsche, con i vincitori di Le Mans 2015, Earl Bamber e Nick Tandy, a segnare le migliori prestazioni nelle due sessioni, con il britannico autore di 1.14.357.

A stretto contatto le due Corvette rinvigorite dal BoP. Più staccate invece Ford e BMW.

Miglior fortuna per li marchio bavarese tra le GTD, con il veteranissimo Bill Auberlen al comando nella prima sessione con la M6 GT3 del Turner Motorsport ed il tempo di 1.16.848. Il limite del pilota californiano è stato ritoccato nel secondo turno da ben 6 piloti, a partire da Alvaro Parente con la Acura #86 dl Meyer Shank Racing, autore di 1.16.584 davanti alla Lexus di Kyle Marcelli e alla Porsche del rientrante Wolf Henzler.

Il programma odierno prevede una terza ed ultima sessione di libere e le qualifiche, a partire rispettivamente dalle 8.30 AM e dalle 12.10 PM, ora locale.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

Castroneves crash. Ritirata l’Oreca del Performance Tech

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/07/CORE1.jpg USCC – Mosport, Libere 1 e 2: Colin Braun ci prende gusto